Esclusa lista sindaci/amministratori con Zaia? 55 candidati fuori? Giallo. La Lega trema…

di REDAZIONEgianpaolo-dozzo

E’ vero o non è vero che nelle ultime febbrili ore ci sarebbe un colpo di scena? Sta circolando la notizia di una esclusione che potrebbe risultare determinante per l’esito delle regionali, per il governatore uscente ma anche, se trovasse conferma, per la sua diretta rivale, la candidata Pd Moretti. Pare sia stata esclusa la lista di sindaci e amministratori con Zaia. Se così fosse, le ragioni del flop sarebbero da trovare nella mancata raccolta firme secondo le prescrizioni della legge elettorale regionale? O da cos’altro?

Insomma, grande giallo proprio mentre il Veneto commissariato – lo ricordate? – dall’ex parlamentare Gian Paolo Dozzo, dopo l’espulsione di Flavio Tosi, si gioca la partita della vita. Se è una bolla di sapone, nulla di rotto, ma se fosse davvero così, di chi la responsabilità di una fibrillazione in casa di Salvini e Zaia? Si parla di 55 candidati soprattutto sindaci, esclusi.

Poi, nella tarda serata di domenica sera, ecco che arriva una nota stampa di Indipendenza Veneto noi con Zaia.

“Il presente comunicato stampa si rende necessario al fine di smentire notizie che si stanno diffondendo sull’esclusione della lista Indipendenza noi Veneto con Zaia , dalla prossima tornata elettorale per le elezioni Regionali del Veneto.

Allo stato attuale delle cose, non vi è stata alcuna esclusione della lista, invero esclusivamente la commissione di Venezia ha ritenuto che non il simbolo, bensì esclusivamente il sostantivo      Indipendenza   potesse essere fuorviante per l’elettore. Si fa notare che nelle restanti sei province PD,RO,VI,BL,TV,VI nessun’altra commissione ha rilevato problemi nella presentazione delle liste ed infatti in tutte le altre province sono regolarmente state accettate le stesse.

Indipendenza noi Veneto, certa che il proprio operato sia assolutamente corretto, intende quindi proseguire tutte le vie, affinché non vi sia la necessità ,(per la sola provincia di Venezia ), di dover modificare un sostantivo per poter vedere la propria lista giustamente al suo osto il 31 maggio 2015″.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Scuola lombarda: le folgoranti carriere di due dirigenti, il decreto che li nomina

Articolo successivo

Milano, il deserto dei barbari. Ma i criminali passano dove la politica ha già devastato