ENERGIA: ECCO COME RENDERE INDIPENDENTE LA CASA

di REDAZIONE

Un sistema energetico «indipendente» e «democratico», che «permette di produrre energia da fonti rinnovabili, eliminare i contatori della luce e del gas, accumulare e gestire autonomamente l’energia», sarà presentato «in anteprima nazionale» al Solar Expo 2012 di Verona dalla Energy Resources spa, che lo ha messo a punto.

Il sistema, si legge in una nota, si chiama «Ses- Smart energy system» ed è «un progetto fortemente innovativo», che «spinge sull’integrazione dei vari sistemi energetici». È pensato per «l’indipendenza e autosufficienza energetica» di case e aziende ed è composto da «un impianto fotovoltaico che produce energia, da una pompa di calore che sostituisce la caldaia e da sistemi di accumulo dell’energia combinati a un’intelligenza di controllo brevettata».

In questo modo, sottolinea la società ideatrice, sarà possibile «controllare e gestire i flussi energetici e garantire l’energia elettrica per ogni uso e per la climatizzazione». «Non ci sarà più dipendenza da alcun gestore di servizi energetici – spiega l’azienda – e l’energia prodotta potrà essere consumata direttamente e gestita liberamente, immagazzinata nei gruppi di accumulo o venduta alle migliori tariffe, direttamente sul mercato.

In caso di sovrapproduzione, il sistema è in grado di rilasciare l’energia accumulata nelle ore in cui la produzione ‘e più bassa o in qualsiasi momento ce ne sia bisogno». Infine, attraverso «un pc Tabler della società sarà possibile avere costantemente sotto controllo lo stato dei flussi energetici e l’accumulo dell’energia».

Print Friendly, PDF & Email

4 Comments

    • hai ragione. Le energie alternative in Italia sono state suicidate da i monopoli. Sappiamo tutti chi sono. Quando uno Stato preferisce acquistare petrolio con 1,5 euro al litro di accisa piuttosto che investire sull’energia pulita, cosa altro possiamo dire?

  1. Avendo progettato e fatto realizzare piu di un megawatt a terra e quasi altrettanti a tetto, la notizia mi incuriosisce, se non altro dal punto di vista professionale. Sono temi da sviluppare, bravi.

Rispondi a sandro Migotto Annulla risposta

Your email address will not be published.

Articolo precedente

AMMINISTRATIVE, LEGNATA AI PARTITI ROMANI CHE VEDONO LE STELLE

Articolo successivo

CONVENZIONI FISCALI, LA SVIZZERA MESSA SOTTO PRESSIONE