Elezioni, Bernardelli: l’incoerenza perde

di Roberto Bernardelli – C’è un ex partito del Nord che è diventato del Sud. Nazionalpopulista. E’ entrato al governo con 5Stelle  e Leu grazie al voti del centrodestra. Poi è uscito dal governo, ha fatto qualche mese di opposizione e alla fine è rientrato al governo, questa volta anche con il Pd. Ma è un partito di destra, il più a destra in Italia. Alle elezioni amministrative di domenica e lunedì ha preso una batosta che non finisce più. In coalizione con i partiti di centrodestra. Hanno perso le sfide in ballo. Milano, al primo colpo. Poi Roma, Torino, Bologna, Varese…. Una debalce che magari dovrebbe far pensare a dimissioni, a un ripensamento.

Invece no. Tanto che il neosindaco della capitale, Gualtieri, sapete cosa ha detto? “Noi abbiamo tenuto una linea coerente fin dall’inizio della pandemia: proteggere dal virus e proteggere l’economia. L’abbiamo portata avanti senza indugio e ambiguita’ e si e’ rivelata quella giusta… La Lega fuori dal governo? Non penso proprio”. Come ha ragione.

Avanti così, un piede dentro e uno fuori. Fino a sfarinarsi del tutto.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Ballottaggi, se scappa la voglia di votare

Articolo successivo

I nostri infermieri, i meno pagati d"Europa