Election day il 20 settembre, referendum e rinnovo Regioni e Comuni. La pagella del dopo Covid incognita sui governatori

I governatori avrebbero preferito il voto a luglio, ma dovranno aspettare. Si va verso l’election day il 20 settembre. E’ quanto emerge dalla riunione a Palazzo Chigi tra il premier Giuseppe Conte con i capi delegazione di maggioranza, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro, il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese e il ministro degli Affari regionali Francesco Boccia.

Stessa data, quindi, per le elezioni regionali ma anche per indire le comunali e il referendum sul taglio dei parlamentari. sarà la resa dei conti del dopo Covid, perché tirato il primo bilancio della ipotetica ripresa, al netto delle promesse e delle aperture piene di limiti, saranno gli amministratori locali a raccogliere il malcontento.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

"Non desiderare la patria d'altri"

Articolo successivo

Bernardelli: Spiegatemi, il Pil va giù del 24% ma a Roma litigano come dei pagliacci