/

Ehi Salvini, Zaia, Fontana, Fedriga, Fugatti, Toti… guardate: in Campania via libera a referendum per macroregione Sud

LENTE-MACROREGIONE-ALPI-OK2-piccola

All’autonomia differenziata del Nord non si contrappone lo scontro territoriale. Ne sono convinti i promotori del referendum per la costituzione della macroregione del Sud che hanno ottenuto il via libera, dopo la raccolta di firme, agli otto quesiti che potranno essere sottoposti a consultazione popolare territoriale; presentata infatti alla direzione attivita’ legislative del Consiglio Regionale la proposta di delibera per l’indizione del referendum. Il Consiglio dovra’ ora fissare la data. “Puntiamo a ottenere autonomia con identita’, in una logica di Sud unito – spiega l’ex presidente della Regione Campania Stefano Caldoro, tra i principali promotori del referendum – significa che le regioni sanno gestire il proprio ruolo in un ambito di responsabilita’ ma in assoluta equita’.

Il Sud deve pretendere quello che manca”.(AGI)Tra i quesiti proposti anche quello che riguarda specificatamente la costituzione di una macroregione che comprenda Campania, Calabria, Molise, Basilicata, Puglia, Sicilia e Abruzzo. “E’ gia’ previsto dalla
Costituzione che le Regioni possano costituire dei processi macro sui grandi temi, come ambiente, trasporti e sanita’. E questa e’ una via moderna rispetto alla politica dello scontro”, spiega Caldoro.

Per il presidente del comitato promotore della macroregione del Sud, Alessandro Sansoni, troppi hanno sostenuto che “fermare l’autonomia differenziata fosse un modo per proteggere il Sud e le sue prerogative”. “Il Sud ha invece bisogno di avviare un processo di autonomia – spiega Sansoni – sulla base delle proprie esigenze. E questo processo ci pone all’avanguardia, perche’ la macroregionalizzazione e’ gia’ l’indirizzo dell’Unione Europea”.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Bernardelli: ha ragione Cairo. Non servono pieni poteri ma meno tasse

Articolo successivo

Metropolitana in Brianza. Poloni: più veloce con l'autonomia fiscale