Ecco la dichiarazione d’indipendenza del Popolo Veneto

di SANDRO MIGOTTO

Quella di seguito sara’ il primo atto ufficiale della Repubblica Veneta. Entro la fine del mese corrente, i Patrioti di buona volonta’ sottoscriveranno la dichiarazione di indipendenza della costituenda Repubblica Veneta. Il tempo di tergiversare e’ finito. Ogni Movimento, Partito indipendentista Veneto, ogni libero uomo Veneto puo’ sottoscrivere la bozza di dichiarazione di Indipendenza. Tale Dichiarazione di Indipendenza si rende necessaria in quanto non vi e’ piu’ alcuna possibilita’ di mediazione con lo Stato italiano. La sottoscrizione di tale Dichiarazione di Indipendenza avverra’ entro fine del corrente nese ed anno. Si da’ facolta’ ad ogni gruppo o movimento o partito indipendentista di publicizzare tale dichiarazione anche con il proprio simbolo. Viva il Veneto vivo. Viva San marco.

Dichiarazione d’Indipendenza del Popolo Veneto

Quando, nel corso delle vicende umane, diventa necessario per un Popolo sciogliere i legami politici che lo hanno vincolato ad un altro ed assumere il rango eguale e separato al quale le Leggi della Natura e la natura di Dio gli danno diritto tra le Potenze della terra, il rispetto del giudizio del genere umano richiede che esso dichiari le ragioni che lo spingono alla separazione.
Noi consideriamo le seguenti verita’ evidenti per se’:
– che tutti gli uomini sono creati uguali;
– che essi sono stati dotati di alcuni diritti inalienabili dal loro Creatore;
– che tra questi diritti ci sono la vita, la liberta’ ed il perseguimento alla felicita’;
– che per assicurare questi diritti sono istituite tra gli uomini delle forme di governo che traggono il loro giusto potere dal consenso di coloro che sono governati;
– che ogni qualvolta una forma di governo diventa distruttiva di queste finalita’ e’ diritto del Popolo modificarla o abolirla ed istituire un nuovo governo, posando le sue fondamenta su tali principi ed organizzare il potere nella forma che pare la migliore per realizzare la propria sicurezza e felicita’
– la prudenza, in verita’ detta che governi in vigore da molto tempo non siano cambiati per motivi futili e passeggeri e conformemente l’esperienza ha mostrato che il genere umano è piu’ disposto a soffrire, finche’ i mali siano sopportabili, piuttosto che raddrizzarsi abolendo le forme alle quali si e’ abituato; ma quando una lunga serie di abusi e di usurpazioni mirate invariabilmente allo stesso scopo mostra il progetto di ridurlo sotto un dispotismo assoluto, e’ un suo diritto, e’ un suo dovere rovesciare tale governo e procurare nuove salvaguardie per la sua futura sicurezza. Tale e’ stata la paziente sofferenza del Popolo Veneto e tale e’ la necessita’ che le costringe ad alterare le precedenti forme di governo. La storia dell’attuale Repubblica Italiana e’ una Storia di offese e usurpazioni ripetute ai danni del Popolo Veneto, aventi tutte l’obiettivo diretto di annicchilire ed annientare il Popolo Veneto e la sua plurisecolare Storia. Per provare questo, siano i fatti sottoposti all’onesta’ del Mondo.
– Lo Stato Italiano, fin dall’annessione della Repubblica Serenissima di Venezia, ha esercitato una politica di mistificazione della Storia, di tentato annientamento della cultura e della Lingua Veneta al fine di annicchilire ogni istanza di liberta’ del Popolo Veneto, opprimendolo con tasse e gabelle, costringendo con l’impoverimento, l’emigrazione dei Veneti in altri Paesi per decenni; favorendo l’immigrazioni di popolazioni meridionali, compresi i controllori per conto e nome dello Stato (prefetti, questori, mai Veneti. Gente al soldo della Repubblica Italiana senza dignita’ e senza storia) con conseguenti infiltrazioni mafiose, e di paesi comunitari (dall’Est Europa) e ed extra comunitari, spesso avanzi di galera di questi Paesi. Il Veneto comunque mai e’ stato domo. Non ci sono riusciti, non ostante la creazione di Partiti che apparentemente dovevano tutelare gli interessi Veneti, di fatto hanno approvato il peggio che questo Stato Italiano abbia mai fatto contro il Popolo Veneto.
– ha promulgato Leggi vessatorie e controlli terribili contro il Popolo Veneto, senza il consenso del Popolo stesso, perseguendo una politica fiscale tale da essere la piu’ vessatoria al Mondo, al fine di rendere le innate capacita’ del Popolo Veneto schiave dei vizi e perversioni del sistema romano della Repubblica Italiana.
– la Repubblica Italiana ha di fatto ostacolato per non aver dotato e non dotando il potere giudiziario al fine di addivenire al giudizio sia penale che civile in tempi normali all’applicazione delle Leggi. Egli ha reso i Giudici dipendenti esclusivamente dalla sua volonta’ nella tenuta dei loro Uffici e l’ammontare dei loro stipendi;
– lo Stato Italiano ha eretto una moltitudine di nuovi uffici pubblici e mandato uno sciame di pubblici ufficiali, in grande maggioranza meridionali, per vessare la nostra gente, divorarne i beni faticosamente conquistati dal Popolo Veneto con il sudore e la capacita’ degli stessi acquisiti, e controllare il Popolo stesso, minacciandolo politicamente.
– Lo Stato Italiano ha mantenuto e mantiene in terra Veneta, in tempo di pace forze armate senza il consenso del Popolo Veneto, al sol fine di controllarlo militarmente, senza che alle frontiere vi sia neanche la parvenza di minaccia di stranieri..
– La Repubblica Italiana si e’ unita ad altri per assoggettarci ad una giurisdizione, ed a una moneta estranea alla Costituzione, alle usanze del Popolo Veneto (Unione Europea ed Euro), dando il suo consenso senza l’approvazione del Popolo Veneto medesimo.
– in ogni momento di queste oppressioni abbiamo fatto petizioni nei termini piu’ umili per ristabilire l’equilibrio. Le ripetute richieste del Popolo Veneto hanno ottenuto come risposta solo offese, presentandoci agli occhi dell’opinione pubblica mondiale come bestie da soma avezze ad ogni tipo di vizi. L’opinione pubblica mondiale ben conosce la capacita’, la laboriosita’ e l’intraprendenza del Popolo Veneto che nulla ha da spartire con il marciume Romano e Italiano, anch’esso ben noto nella comunita’ mondiale
Dobbiamo peraltro accettare la necessita’ che denuncia la nostra separazione e considerare la Repubblica Italiana, come consideriamo il resto del genere umano. Nemici in guerra, in pace amici.
Pertanto Noi, rappresentanti del libero Popolo Veneto, in Congresso Generale riuniti, facendo appello al Supremo Giudice del Mondo per la giustezza delle nostre intenzioni, nel nome e per l’autorita’ della buona Gente Veneta, solennemente e pubblicamente dichiariamo che la Repubblica Veneta, nei limiti territoriali noti, è per diritto Stato indipendente e libero. Con la data odierna apposta in calce viene sciolto qualsivoglia obbligo verso la Repubblica Italiana e che qualsiasi legame politico tra la Repubblica Veneta e lo Stato Italiano è e deve essere del tutto dissolto e come Stato Indipendente, la Repubblica Veneta ha pieni poteri di muover guerre, concludere pace, trattare alleanze, stabilire commerci e fare qualsivoglia azione che qualsiasi Stato Indipendente puo’ fare per diritto.
A sostegno di questa Dichiarazione, affidandoci fermamente alla protezione della Divina Provvidenza, reciprocamente ci impegnamo con le nostre vite, le nostre fortune ed il nostro sacro onore.
Che a Dio piaccia e la Fortuna ci assista.
(Omissis) elenco dei Padri Fondatori della Repubblica Veneta

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Oggi scattano i saldi, guerra di cifre. Ma questo ormai è un Paese in saldo...

Articolo successivo

La Lega è il problema del Nord, non la soluzione