E Zaia parla ancora prima di Matteo. Questo governo non vuole farci votare

Parla molto, più di prima, segno di un logoramento interno che si consuma in apparente silenzio. “Sulla data delle prossime elezioni regionali questo Paese sta scrivendo una delle pagine più brutte della sua storia: è un Paese che non vuole andare al voto e chi porta avanti questo discorso è contro la democrazia e contro l’autonomia, quella delle Regioni di poter fissare la data delle loro elezioni”. E’ duro il j’accuse del presidente del Veneto, Luca Zaia sullo spostamento della data delle elezioni a dopo metà settembre.

Di più, Zaia spiega che “dal Consiglio dei ministri è uscito un decreto secondo cui non si potrà andare a votare prima del 20 settembre , cosìcchè i ballottaggi si faranno ai primi di ottobre e se arriva il virus in autunno chi ha deciso questa data ne sarà responsabile”, ha stigmatizzato Zaia, che ha quindi sottolineato: “Ne ho parlato a lungo con il presidente Mattarella, purtroppo non è compito del Quirinale l’indizione delle elezioni”, ha sottolineato ricordando che “in Corea del Sud si è andati al voto ad aprile, in Francia si andrà adesso in giugno. Nel nostro Paese è ormai tutto aperto, ma non si può andare a votare”, ha concluso.

Restiamo in attesa di una presa di posizione del segretario del Carroccio nazionale.

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. Inutile girarci attorno, questo atto del governo di rimandare le elezioni regionali è un vero e proprio attacco alla sovranità popolare, alla democrazia che poi è sempre la stessa cosa ed aggiungo un atto dispotico da regime fascista poiché si può andare a votare anche questo mese di Giugno con tutte le cautele del caso e non si capisce perché non lo si possa fare.
    Questo governo ha veramente passato il segno dimostrando che l’unico traguardo che si prefigge è quello di stare seduto a roma per raggiungere le agognate pensioni parlamentari.
    Tutto il resto sono solo delle fastidiose rogne da gestire alla mala peggio.
    WSM

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Magistratura, guarda che numeri...

Articolo successivo

Non fateci studiare troppo altrimenti non vi votiamo più