DPCM, la strada contorta chiamata “Rilancio”. Rizzi: se non è il Covid è il governovirus a stenderci

Non è che una volta pubblicati i famosi Dpcm, i decreti della presidenza del consiglio dei ministri, tutto sia finito lì. i provvedimenti devono essere convertiti in legge. Serve un doppio passaggio come prevede la Costituzione. Poi però servono i decreti attuativi. E qui la burocrazia che già ha donato forti emozioni, proseguirà sulla sua lunga strada. Quindi, prima i Dpcm, poi la doppia conversione in aula, tra Camera e Senato, poi i decreti attuativi. Openpolis fa sapere che ad oggi i 13 decreti legge del governo stanno richiedendo 165 decreti attuativi.

I ministeri tirati in ballo sono la bellezza di 17. Insomma, più del Covid potè il governo per stenderci del tutto.

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Unimpresa, 533 presunti sconti fiscali.... Poco più che spiccioli per il fisco vorace

Articolo successivo

Friuli Venezia, per Grande Nord: indennità ai sindaci non vanno aumentate. Non devono prendere una lira in più