DPCM, la strada contorta chiamata “Rilancio”. Rizzi: se non è il Covid è il governovirus a stenderci

Non è che una volta pubblicati i famosi Dpcm, i decreti della presidenza del consiglio dei ministri, tutto sia finito lì. i provvedimenti devono essere convertiti in legge. Serve un doppio passaggio come prevede la Costituzione. Poi però servono i decreti attuativi. E qui la burocrazia che già ha donato forti emozioni, proseguirà sulla sua lunga strada. Quindi, prima i Dpcm, poi la doppia conversione in aula, tra Camera e Senato, poi i decreti attuativi. Openpolis fa sapere che ad oggi i 13 decreti legge del governo stanno richiedendo 165 decreti attuativi.

I ministeri tirati in ballo sono la bellezza di 17. Insomma, più del Covid potè il governo per stenderci del tutto.

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Unimpresa, 533 presunti sconti fiscali.... Poco più che spiccioli per il fisco vorace

Articolo successivo

Friuli Venezia, per Grande Nord: indennità ai sindaci non vanno aumentate. Non devono prendere una lira in più