Dopo i 3000 lavoratori socialmente utili assunti, la Calabria vuole anche una legge per far assumere 600 lavoratori “di pubblica utilità”

La Regione Calabria chiede una deroga per 600 lavoratori di pubblica utilità rimasti privi di stabilizzazione. Dopo aver regolarizzato a dicembre scorso 3000 LSU, lavoratori socialmente utili, l’assessore al Lavoro Fausto Orsomarso ha tenuto un incontro alla cittadella di Catanzaro con i rappresentanti delle due categorie di precari. “Le risorse regionali ci sono anche per gli LPU – ha dichiarato il componente dell’esecutivo – ma serve una norma nazionale per la deroga alla regolarizzazione. Siamo in contatto con il ministro Orlando e la deputazione calabrese cui affidare la direttiva. E’ l’ultimo miglio di fatica per ridare a questi lavoratori ed alle loro famiglie un po’ di dignità”.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Federlegnoarredo, Feltrin: Salone del Mobile, abbiamo vinto una grande sfida

Articolo successivo

Oltre il 42% delle piccole imprese pensano di non tornare al livello precrisi