Disoccupazione ancora in aumento: soprattutto tra i giovani e al Sud

di REDAZIONE

Continua a crescere la disoccupazione giovanile. Nel secondo trimestre dell’anno, il tasso di disoccupazione dei 15-24enni è salito al 37,3% (+3,4 punti percentuali), con un picco del 51% per le giovani donne del Mezzogiorno. Lo ha comunicato l’Istat, secondo cui, oltre ai giovani, il tasso di disoccupazione generale è salito al 12%, in crescita di 1,5 punti percentuali rispetto a un anno prima. Per gli uomini l’indicatore passa dal 9,8% all’attuale 11,5%; per le donne dall’11,4% al 12,8%.

Non si arresta l’emorragia di posti di lavoro, soprattutto al Sud. SEmpre nel secondo trimestre del 2013 si accentua la diminuzione su base annua del numero di occupati (-2,5%, pari a -585.000 unità), soprattutto nel Mezzogiorno (-5,4%, pari a -335.000 unità). La riduzione degli uomini (-3,0%, pari a -401.000 unità) si associa a quella delle donne (-1,9%, pari a -184.000 unità). Al persistente calo degli occupati più giovani e dei 35-49enni (rispettivamente -532.000 e -267.000 unità) continua a contrapporsi la crescita degli occupati con almeno 50 anni (+214.000 unità).

Dopo sette trimestri di discesa, torna ad aumentare anche il numero di inattivi nella fascia 15-64 anni (+1,2%, pari a 172.000 unità).

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

IMU, la finta abolizione porta in dote 3 tasse sulle seconde case

Articolo successivo

Aumento Iva, ecco chi pagherà di più, come e perchè