Disney, non c’è magia. A casa in 28mila per la crisi Covid

Mentre crescono i timori per le conseguenze sanitarie della seconda ondata del Covid-19, l’economia mondiale deve fare ancora i conti con gli strascichi del primo tsunami, che dietro di se’ ha lasciato una distesa di macerie: eloquente il dato dell’economia Usa, affondata nel secondo trimestre con una contrazione del Pil pari al 31,4%. Restrizioni e riprese a singhiozzo, insieme al calo del turismo, hanno fatto pagare il loro prezzo da ultimi a molti dipendenti dei parchi a tema della Disney.

Il colosso del divertimento ha fatto sapere di aver licenziato 28 mila persone negli Usa per colpa della pandemia. Il 67% di loro sono lavoratori part-time. In questo scenario ogni settore si trova costretto a fare il proprio bilancio della tragedia economica, che si sovrappone a quella medica, e ora c’e’ chi stima una perdita fino a 46 milioni di posti di lavoro nel mondo per la grave flessione del traffico aereo. Un quadro tracciato dagli esperti dell’Air Transport Action Group, con base a Ginevra. A rischio ci sono in primis gli impieghi del settore: compagnie aeree costrette a tenere a terra la flotta, aeroporti, produttori di componenti.

Ma poi c’e’ anche il turismo legato ai voli, vittima di una flessione senza precedenti.

Immagine dalla pagina ufficiale di Disneyland

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

E Salvini chiede risarcimento di 500mila euro a Belsito per danni d'immagine

Articolo successivo

Sala torna sulla questione del Nord