La sceneggiata italiana di Della Valle contro Marchionne

di GIAN LUIGI LOMBARDI CERRI

La dichiarazione anti-Marchionne di Della Valle mi ha lasciato basito. Vorrei che qualcuno, anzitutto, mi spiegasse perché Briatore “che fa i soldi sui ricchi” è uno “sporco approfittatore” ed è un bene che se ne vada da questo paese zeppo di “virtù” chiamato Italia, mentre Della Valle, che pure lui fa i soldi su i ricchi, e in aggiunta  fa lavorare un sacco di cinesini, può sparare impunemente su chiunque, purché si dia l’aria di parteggiare per i sinistri.

Questo è proprio un ameno paese dove la FIAT, che ha sempre fatto i comodi suoi, danneggiando e non poco i piccoli imprenditori, favorendo sfacciatamente la CGIL esaudendone tutte le richieste anche più folli, non è mai stata toccata. Nel momento che essendo arrivata proprio sull’orlo del fallimento  e un manager di riconosciuto valore internazionale (non romano) come Marchionne ha dovuto tirare robustamente i freni, è diventata una calamità nazionale. Tra l’altro si invitano gli azionisti (come si fa quando durante la tombola familiare uno si  alza e se ne va restituendo i fagioli) ad andarsene dall’Italia “perché così arriverà una qualche serie azienda straniera a governare saggiamente il complesso industriale”. Come se ci fosse fuori della porta una lunga fila di investitori stranieri ansiosi di venire a foraggiare sindacati e politici.

E perchè, addirittura, non ricostituire l’IRI e quindi statalizzare il tutto? Con il risultato economico-ambientalista dell’ILVA? Certamente il risultato economico è stato molto positivo (per i pochi amici) e negativo, ambientalmente parlando, per molti, ma tant’è gli amici se ne sono guardati bene dall’abitare a Taranto.

Quindi perché non sognare di fare altrettanto conla Fiat? Le vergini di sinistra blaterano, ora, anche per bocca di Della Valle. Si ricordano i sinistri che un loro esponente, Prodi, ha regalato alla Fiat l’Alfa Romeo (che a quelle condizioni avrei potuto comperare anch’io), decretandone la fine, scartando un concorrente (Ford) che invece avrebbe pagato con moneta sonante? E la Lancia, concorrente di grande qualità della Mercedes? E il punto unico di contingenza? E la cassa integrazione nazionale , che favoriva sfacciatamente la Fiat? (Ricordo a tal proposito che una proposta di Legge che avrebbe localizzato nelle Regioni i fondi della cassa integrazione, bloccando così i travasi a favore dei grandi, è stato bloccato dal PD).

Con tutte queste concessionila CGIL è diventata sempre più ingorda e la Fiat, pure, a spese dell’Italia sino alla disastrosa conclusione attuale. Ora un gaudente Della Valle , che deve non poco del suo iniziale successo al da lui vituperato Gianni Agnelli (vi ricordate le Tod’s che l’avvocato vistosamente calzava in ogni situazione) spara a zero su Marchionne, dandogli dell’incompetente, il quale dichiara semplicemente che la festa è finita. Alla sceneggiata si è unito Luchino nostro, socio e sodale di Diego dicendo, molto sommessamente: “Diego, non esagerare”! Il Luchino che, insieme a Diego, ebbe ad inventare la formula salva tutto: “Bisogna fare squadra”! Che pensata magistrale!

Allora è proprio vero, il Merola della sceneggiata è stato un precursore, ma gli allievi hanno superato il maestro! Pensano proprio, sindacalisti e politici, che gli italiani siano proprio smemorati e rimbambiti? Fiat ha sicuramente approfittato del “magna magna”, ma il banchetto è stato approntato da quei signori i quali hanno pensato, e forse qualcuno lo pensa ancora, che la festa potesse continuare dato che “basta aumentare le tasse” e tutto ridiventa normale (per loro). Non si dimentichino, i signori sinistri, che tutte le applicazioni delle loro malsane teorie sono finite a fucilate tirate dagli “imbecilli smemorati”.

Diceva mia nonna: “Chi ha la faccia di tolla e non se ne serve dovrà rendere conto a Dio”.

Print Friendly, PDF & Email

8 Comments

  1. Grande Della Valle, ce ne vorrebbero di più di veri imprenditori come lui, che non ha mai chiesto un euro allo Stato, ma che a Luglio 2012 ha regalato ai suoi oltre 3000 dipendenti, 1800 euro a testa, per ringraziarli della buona produttività e delle vendite. Chiaro che una persona così, susciti invidie e gelosie.

  2. Ve lo ricordate il comunista trinariciuto di Guareschi? “Contrordine compagni!” , ebbene, siamo sempre lì.
    Qualcuno ha ordinato alla magistratura di colpire il tale e non il taaltro. Ricordo di un Prodi che andò a genuflettersi da Scalfaro ed entrò nella cerchia degli intoccabili. Anche Dalla Valle è un intoccabile del quale si può solo parlare bene. Mettetevela via e non ragionateci troppo su.
    Ovviamente fino al contrordine compagni!

  3. Perfettamente d’accordo con GIAN LUIGI LOMBARDI CERRI, dalla prima all’ultima parola.
    La Fiat è l’ultima icona a disposizione dei comunisti di sempre per dimostrare che esiste una classe operaia che di fatto non esiste più da tempo.

    • Guardi che il valore gestionale di una persona, non lo assegnamo ne lei ne io, lo assegnano gli stipendi che le industrie sono liberamente disposte a pagare per avere la collaborazione di una certa persona.
      Il suo ahaah quanto vale in Italia e all’estero ?

  4. La FIAT è sempre stata una sovvenzione unica, una manipolazione di mercato, per foraggiare un po’ tutte le lobby fallitagliote: politici (sx, dx, prima e seconda repubblica di banane), sindacalisti ecc.

    Ora è definitivamente fallita.

    Solo modelli come Panda e Cinquecento hanno un grande successo: il resto è perdita.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Dopo la nazionale padana il "Trota" torna ad occuparsi di calcio

Articolo successivo

Referendum per l'indipendenza del Veneto, Zaia: non posso convocarlo