Dal governo politiche insufficienti. Basta ripetere a vanvera che il turismo è la nostra ricchezza

Ben venga qualsiasi aiuto ma quello messo in campo dai ministri tecnici non è sufficiente ed è miope. Non guarda nel presente e nel medio termine. Pertanto, pur ringraziando e accogliendo favorevolmente “la richiesta del ministro Garavaglia al Governo, d’intesa con il ministro Speranza, sul ripristino dei corridoi turistici per le mete esotiche, è un primo passo nella direzione delle richieste del comparto del turismo organizzato, pesantemente colpito dallo stop totale dei viaggi extra-Ue”, manca tutto il resto…. Infatti, “In attesa della messa a punto di procedure e protocolli di sicurezza, occorre fare di più: servono ristori immediati dopo 18 mesi di fermo delle imprese”. Ad affermarlo in una nota è Gianni Rebecchi, il presidente nazionale di Assoviaggi, l’associazione che riunisce le agenzie di viaggio e le imprese del turismo organizzato Confesercenti. “Ad essere frenato – prosegue il presidente – è stato anche il flusso del mercato europeo, sia in outgoing che in incoming, affossato da regole di ingresso spesso confuse dei singoli stati e dal chiasso mediatico provocato dalle modifiche sulle regole del Green Pass, oltretutto introdotte in piena stagione turistica. Per le agenzie di viaggio, inoltre, non c’è stato alcun respiro neanche dalla domanda interna, ormai completamente disintermediata dai portali internazionali di prenotazione”. “Ribadiamo – conclude Rebecchi – la richiesta di un incontro urgente con il Governo che coinvolga anche i sindacati, per mettere a punto un piano mirato a tutela del comparto. Servono subito nuovi contributi a fondo perduto per un settore ormai allo stremo e con licenziamenti e chiusure alle porte. Occorre, inoltre, un prolungamento della moratoria sui finanziamenti e del credito d’imposta sugli affitti fino a tutto il 2022, agevolazioni sugli investimenti in tecnologia e in formazione ed, infine, ammortizzatori sociali ‘riformati’ – non la cassa in deroga così come formulata – per gli occupati del settore. Diversamente, migliaia di imprese chiuderanno per sempre, con effetti drammatici sul tessuto sociale ed economico del Paese”.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Tamponi molecolari in farmacia, la prevenzione vale più di un pezzo di carta

Articolo successivo

E' al Nord, a Pieve Tesino, la prima Pro Loco: 140 anni di identità