Dal 1° ottobre e almeno fino al 2029, il 30% di contributi in meno sui lavoratori del Sud. Bernardelli: capita l’antifona?

di Roberto Bernardelli – Da oggi  le aziende del Sud potranno pagare meno contributi, il 30% è lo sconto deciso dal governo, sia per tutti i loro dipendenti o se vorranno assumerne di nuovi.

L’hanno chiamata “Fiscalita’ di vantaggio”. Vedremo se anche questo regalo servirà a generare occupazione o se sarà l’ennesimo buco nell’acqua. Intanto sappiate che il Governo è impegnato in un dialogo con la Commissione Europea per estendere la misura fino al 2029.

Ci facciano sapere se anche il Nord, che è in ginocchio dopo il Covid, merita attenzione o se ancora una volta l’assistenzialismo avrà vinto la sua battaglia.

Visto come sta andando con il reddito di cittadinanza, pongo una domanda. Saranno tutti lavoratori veri?

 

Onorevole Roberto Bernardelli, presidente Grande Nord

 

 

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. Noto un po’ di invidia in queste parole.
    I miliardi di investimenti in più ottenuti negli ultimi 50 anni non vi bastano? Le centinaia di migliaia di lavoratori del sud emigrati per lavorare nelle vostre aziende non vi bastano?
    Per fortuna il residuo fiscale viene ridistribuito. Altrimenti mezza Italia sarebbe già un deserto prosciugato dalla lombardia.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Vaccino antinfluenzale, 12 dosi a farmacia. Siamo su scherzi a parte

Articolo successivo

Autonomia, attualizzare il messaggio