Da Renzo Rosso 5 milioni per microcredito all’Emilia terremotata

di GIORGIO CALABRESI

Renzo Rosso, fondatore di Diesel e presidente della holding OTB (Only The Brave), mette a disposizione 5 milioni di euro del suo patrimonio personale per avviare un progetto di microcredito a sostegno delle popolazioni emiliane colpite dal terremoto. Piccoli prestiti concessi a chi altrimenti sarebbe escluso dal sistema bancario tradizionale: per la prima volta in Italia, la solidarieta’ si concretizza nell’aiuto di un imprenditore ad altri imprenditori, in modi e forme che fanno leva proprio sullo spirito imprenditoriale e su una volonta’ di ricostruzione nella quale l’economia gioca un ruolo determinante.

Renzo Rosso ha affidato la gestione delle risorse a disposizione, e la realizzazione operativa del progetto, a Etimos Foundation onlus, una fondazione che opera da molti anni nel settore della microfinanza e ha acquisito una particolare competenza nei contesti post-emergenza, a partire dall’Abruzzo dove sta coordinando un progetto di microcredito che ha gia’ erogato finanziamenti per oltre 6 milioni di euro, con una particolare attenzione per la microimpresa, le start-up, i giovani e le donne. “Sono stato profondamente toccato dall’immediata volonta’ di rimettersi al lavoro dell’Emilia post-terremoto. Da imprenditore e sostenitore di progetti di imprenditoria sociale, ho scelto di aiutare le popolazioni colpite nel modo che conosco meglio: stimolando la co-responsabilita’ in maniera sostenibile. La modernita’ di questa operazione sta nell’essere un aiuto concreto di un imprenditore ad altri imprenditori, nonche’ a famiglie, non in un’ottica assistenziale ma attraverso uno strumento finanziario che valorizza la progettualita’ e le capacita’ delle persone”, ha commentato l’imprenditore veneto.

 In Emilia si utilizzera’ un modello d’intervento analogo a quello gia’ sperimentato in Abruzzo, dove l’importo inizialmente a disposizione e’ stato utilizzato per costituire un fondo di garanzia che permette l’erogazione di microcrediti a famiglie, microimprese, cooperative e imprese sociali, senza chiedere alcuna garanzia personale o patrimoniale. L’erogazione avviene attraverso le banche aderenti (che sono l’85% degli sportelli del territorio e utilizzano fondi propri), nell’ambito di un accordo ratificato dall’Abi che definisce tipologie di prodotto e relative condizioni, e impegna le banche stesse a garantire un effetto leva sugli importi finanziati in grado di innalzare il plafond disponibile fino a 50 milioni di euro. Come gia’ sperimentato, verra’ creato anche un gruppo di volontari in grado di gestire sia il servizio di primo ascolto, l’accoglienza delle domande di credito, e la fase di pre-istruttoria sociale, sia i servizi di accompagnamento e assistenza tecnica prima e dopo l’erogazione del credito, mettendo a disposizione competenze tecniche e conoscenza del territorio. Questo modello, che valorizza gli attori economici e sociali del territorio, consente di ridurre le spese di gestione complessive liberando ulteriori risorse a favore dei destinatari del progetto. Un motivo in piu’ per applicarlo a un contesto, come quello dell’Emilia, dove la rilevanza dei danni all’impresa e la volonta’ di ripartire sono apparsi da subito un elemento centrale del post-terremoto.

 Renzo Rosso, il patron della Diesel che ha stanziato 5 milioni del suo patrimonio personale per dare il via a iniziative di microcredito nell’Emilia Romagna terremotata, mostra “meglio di ogni discorso che cosa significa per i veneti il valore della solidarieta’”. A ringraziare con queste parole l’imprenditore e’ il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia. “Un gesto quello di Rosso che non si dimentichera’ facilmente e che mi auguro possa essere d’esempio anche per altri. Oltre alla generosita’ – conclude Zaia – c’e’ anche l’intelligenza della scelta: mettere nelle mani della popolazione emiliana uno strumento agile, facilmente utilizzabile da moltissimi imprenditori e cittadini, capace di sostenere la ripresa di quella terra martoriata anche oltre gli effetti che avrebbe avuto un semplice contributo in denaro”.

Print Friendly, PDF & Email

3 Comments

  1. nobile certamente. ma non e’ la soluzione. inoltre…per questa pubblicita’ gratuita quanti ne incassera’? ma va a dar via el cul Renzo … zaia ringrazia… non dimentichera’ facilmente il gesto…. noi zaia non dimenticheremo di certo te.

    queste cose sono delle merdate. Quando lo stato e’ assente, interviene il mecenate, piu’ o meno interessato di turno. Devi essere serio Sig. Renzo Rosso. Regali 5 ml. ? regalali e stai zitto o meglio mangiateli a puttane e ombre… non fai del bene a nessuno. Preferirei che gli emiliani colpiti dal terremonto facessero un investimento in armi. Non devono avere la tua carita’ paraculo del cazzo.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Rai: Gubitosi rinuncia al tempo indeterminato. E la Lei che fa?

Articolo successivo

Olimpiadi: gli atleti siciliani sventolino il vessillo della Trinacria