/

Da oggi nel fortino di Bellerio solo in 7. La destrutturazione della Lega è compiuta

di CASSANDRAsocialismo

Su facebook ci sono saluti e “mi piace” su un post particolare. Una foto di Umberto Bossi, e queste parole, per ricordare quello che fu l’ultimo giorno, il 6 febbraio scorso, di lavoro per i 71 dipendenti. “Un pensiero per il nostro unico, grande, insostituibile CAPO: Oggi è un giorno che tutti ricorderemo con un dolore enorme. Oltre al lavoro perdiamo molto altro.... Umberto Bossi da oggi vedrà realizzata la distruzione del suo lavoro di una vita!”.

Come già scritto su queste pagine, il processo di deleghistizzazione è arrivato da lontano. E’ partito con lo scandalo, è proseguito con il cambio di segreteria, di gridi di battaglia, di modifica delle parole d’ordine. La gamba della comunicazione è stata amputata, a seguire è arrivata l’amputazione della mission indipendentista. Euro e immigrazione puntellano la politica dei sondaggi, a mille, finché dura. Sezioni chiuse, ci si iscrive alla Lega anche online.

 

E ora? Dopo il tutti a casa firmato il 4 febbraio scorso, venerdì sera l’azienda ha inviato a ciascun lavoratore i conteggi delle ferie da smaltire prima di considerarsi a tutti gli effetti in cassa a zero ore. Ma in via Bellerio non tutto chiude. In servizio ci sono sette persone per le funzioni essenziali della macchina: la segretaria di Salvini; due unità all’organizzazione e all’ufficio legislativo – e siamo a tre -; due segretarie alle dipendenze dell’amministratore – e siamo a cinque -; due autisti, uno per il segretario federale e l’altro per il senatur, se siamo a sette. Infine, sarebbero in fase di valutazione altre tre figure, una per la segreteria di Udine, una per Varese e l’altra per Genova.

L’ingresso storico è stato chiuso, per farsi aprire o annunciarsi, è stato installato un citofono all’ingresso carraio.

E oggi, mobilitazione e sit-in degli ex dipendenti del Carroccio in via Bellerio, dalle 15 in avanti. Da sede viva, a ombelico storico di un passato remoto, remotissimo. Agli ex dipendenti non resta che ritrovarsi su facebook, il partito ormai vive lì.

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

  1. Se l’insostiuibile capo ed il suo clan non si fossero fottuti qualcosa come 40 milioni (non è chiaro se i diamanti sono parte del conto) forse la baracca stava ancora in piedi per un po’ di tempo

    • C’è un processo che chiarirà dove sta la ragione e dove il torto. I diamanti, invece, sono 90mila euro e stavano a bilancio ancora nel 2013. Dovevano darli alle sezioni meritevoli, non ne abbiamo più saputo nulla. Tra 2012 e 2013, nuovo corso, sono usciti circa 18 milioni di euro. Spese importanti, che non sindachiamo. Ma vada a chiedere ai dipendenti a casa cosa ne pensano.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Indipendentismo sul binario morto. Tutto da rifare

Articolo successivo

Veneto al voto. La Lega (in)dipendente da Berluskaiser