/

Da Napoli colera a no euro. Le giravolte di Matteo, la politica da n…euro.

salvini no euro

di ROBERTO BERNARDELLI – Una volta era Napoli colera. Prima ancora i comunisti padani. Poi l’alleanza con la destra più a destra della Le Pen. Infine il nazionalismo come credo salvifico per unire il Sud al Nord, tanto hanno gli stessi problemi. E come dimenticare tutta la campagna no euro di Matteo Salvini? Basta euro di sù e basta euro di giù. L’ultimo capitolo, o capitombolo, ora, è la marcia indietro salviniana verso l’uscita dalla moneta unica. I suoi governatori, su questo fronte, lo gelano da tempo. Identica posizione viene dal saggio del Qurinale, Giorgetti. Ma non c’è bisogno che sia la politica a dire che il populismo economico non rende. Quale impresa del Nord, lombarda in testa, vorrebbe trattare all’estero venendo pagata in lire? Alzi la manina l’imprenditore disposto a svalutare il proprio bilancio perché lo chiede Salvini.

Tra poco assisteremo ad altri ripensamenti? Quelli su Berlusconi sono frequenti. Ma dove può andare la Lega salviniana senza l’ex Cav? Da nessuna parte, come non potrebbe il Nord pretendere e chiedere, legittimamente di essere Europa più che Sud Africa, o mediterraneo post ellenico, con una moneta diversa dall’euro.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Caos per commissariare Boni. Non sanno "amministrare un condominio" ma vogliono governare un Paese

Articolo successivo

Italia, la peggior burocrazia del mondo, lo dice Oxford