Crisi: quattro suicidi in poche ore in Veneto

di http://www.leggo.it

Quattro persone, quattro vite diverse e spezzate tutte nello stesso modo: decidendo di suicidarsi. C’è chi ha scelto di impiccarsi, chi un’iniezione letale o una lunga agonia dopo disperate coltellate al cuore. Le vittime hanno anche altro in comune, sono tutte del Nord Est, che stamattina si sveglia col fardello dei morti delle ultime ore, disperati ognuno con il suo dramma.

Il primo è stato un operaio di Feltre. Lunedì pomeriggio non è ritornato in fabbrica ma è andato in un boschetto di Pedavena, ha scelto un albero e vi ha appeso una corda. Lo hanno trovato morto ieri mattina. Aveva 46 anni, un figlio di tre e faceva il capo ufficio in un’azienda di componentistica per occhiali, ma temeve di essere messo in mobilità.

La notte scorsa, siamo a Cordigliano (Treviso), un quarantenne disoccupato si è ucciso accoltellandosi ripetutamente il petto e il ventre con un coltella da cucina mentre era nel proprio letto, dove è stato ritrovato dalla fidanzata preoccupata perché non rispondeva al telefono. In questo caso non è stata la crisi economica ad armare la mano del suicida, piuttosto un equilibrio psichico perduto: nelle lettere lasciate come spiegazione parla di una persecuzione da parte della Polizia americana.

All’alba di ieri un geometra trevigiano si è impiccato alla gru del cantiere di Portogruaro dove lavorava. È stato ritrovato dai colleghi alle 8 del mattino, insieme al corpo poche righe in cui chiedeva perdono spiegando che la vita era diventata troppo faticosa. Il male di vivere si era impossessato dell’uomo e nessuno lo aveva notato.

L’ultima morte in ordine cronologico è quella di un’infermiera professionale impiegata in una casa di riposo di Conegliano. È stata trovata distesa a terra nei bagni dell’istituto, a terra c’erano una siringa e un laccio emostatico: si era iniettata del potassio in vena. La donna aveva ricevuto una telefonata che l’aveva fatta sbiancare, poi si è allontanata per rimanere da sola. Originaria del Friuli, aveva tre figli e un matrimonio in crisi.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Populismo presidenzialista e crisi del sistema Italia

Articolo successivo

Debito alto, Italia debole: siamo un Paese contagioso