Covid, scontro legale vittime e sindaco Gori

“Gori dice che non mi conosce, che non sa neanche chi sono, è gravissima una cosa del genere, è scandalosa. Oggi tra l’altro che è la Giornata della donna. Io sono senza parole”. Consuelo Locati è uno degli avvocati del team dei famigliari delle vittime del Covid di Bergamo che ha chiesto, in occasione della visita a Bergamo del premier Mario Draghi, di poter essere presente in rappresentanza dei famigliari delle vittime. Un invito che però non è mai arrivato. Il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, interpellato da ‘il Giornale’, ha fatto sapere che visti i protocolli per l’emergenza è probabile che la partecipazione sarà molto limitata e di non conoscere l’avvocato Locati e gli altri legali. Parole che hanno lasciato di stucco sia l’avvocato Locati sia Robert Lingard, fondatore di Anagenesis.

“Sapevano già che avrebbero invitato Luca Fusco (presidente del Comitato Noi Denunceremo, ndr) e non la sottoscritta – sottolinea Locati all’Adnkronos -. Peccato che Luca Fusco non sia più il rappresentante di nessuno, avendo rinunciato ad ogni tipo di attività giudiziaria, chi rappresenta?” Se potesse parlare con Gori, “gli direi di smetterla di tentare di farmi tacere perché io non taccio e non è una questione politica”, taglia corto Locati. “La mia richiesta – rimarca – è indirizzata a Draghi ed era di rappresentanza dei famigliari delle vittime, non politica. Il minimo che poteva fare Gori era chiamarmi, visto che noi il 22 febbraio scorso abbiamo chiesto come legali direttamente a Draghi di poterlo incontrare come rappresentati dei famigliari delle vittime, che sono 500 persone”. E se Gori le chiedesse un incontro adesso? “Accetterei, certo – dice l’avvocato Locati – gli chiederei perché ha fatto finta di non conoscermi dichiarandolo pubblicamente”. Locati non intende mollare di un millimetro: “Noi abbiamo intenzione di andare avanti per il 18 marzo – conclude -. Vogliamo incontrare Draghi che sia davanti alle telecamere o che sia in forma privata continueremo a chiedere di incontrarlo perché è giusto ed è dovuto”.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

La strage silenziosa: contagiati 3500 infermieri in un mese. E i vaccini, dove sono?

Articolo successivo

Senzasconti, Olivieri e Bianchini ad Antenna 3