Costituzione, il Nord non ci mise becco (o quasi)

Il Meglio de lindipendenza

di FRANCO FUMAGALLI – Forse non tutti sanno che l’italica Costituzione fu elaborata da 75 parlamentari nominati dall’Assemblea Costituente eletta con le consultazioni del 2 Giugno 1946. Di tale Commissione facevano parte, quasi tutti laureati in giurisprudenza, 26 democristiani, 13 comunisti, 7 del partito socialista, 6 del partito socialista lavoratori italiani,4 del partito repubblicano, 4 dell’unione democratica nazionale, 3 autonomisti, 3 del partito liberale, 3 dell’uomo qualunque, 3 del gruppo misto, 2 di democrazia del lavoro e 1 dell’unione nazionale.

Per suddivisione territoriale Nord, Centro, Sud più isole,  i Costituenti possono essere così raggruppati: Nord con popolazione pari a circa il 50% del corpo elettorale era rappresentato da 28 delegati (37%); il Centro, con una popolazione pari al 17% aveva 17 delegati (23%); Sud ed isole con una popolazione pari al 33% aveva 30 delegati  ( 40%).

Più in dettaglio, per le principali province: Milano aveva 1 rappresentante, Torino 1, Genova 5, Roma 7, Napoli  5, Palermo 4. Ora, nella Costituzione nei “Principi Fondamentali”, l’art.1, che si potrebbe dire, rappresenti la cornice in cui viene caratterizzato l’Atto, recita: “L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione”. Si deve osservare che nella formulazione dell’articolo,  le parole “fondata sul lavoro” non esprimono un concetto giuridico ma indicano una caratterizzazione economico – sociale. Tuttavia emerge anche un significato giuridico per gli aspetti che nel dibattito vennero esclusi. Infatti il relatore delegato dichiarò: ”Dicendo che la Repubblica è fondata sul lavoro, si esclude che essa possa fondarsi sul privilegio (caste?), sulle nobiltà ereditarie, (lobbies?), sulla fatica altrui (burocrazia?)”.

Viste come sono andate le cose e lo stato in cui ci troviamo, forse i padri costituenti non avrebbero dovuto escludere un bel niente.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Soldi e propaganda. Alessandri: La doppia vittoria di Al Shabaab sulle donne vittime di sequestro

Articolo successivo

La Fondazione Gimbe: riaprire su dati parziali dal 18 maggio aumenta rischio nuova ondata a inizio estate