Corsi di formazione sindacale, quanto ci costate? Vediamo i bilanci… “segreti”

banche falliteLA CICALA
Ho voluto fare delle verifiche perché un amico da tempo mi chiedeva di occuparmi di sindacati e formazione. Aggrappandomi con le zampette ai vari siti internet delle organizzazioni sindacali dei lavoratori delle banche, sono emerse delle cosette interessanti. Innanzitutto i numeri, siamo al 2010 e gli ultimi dati che ABI fornisce sono questi: su 320 mila bancari in servizio, oltre 250 mila hanno una tessera in tasca. la FABI avrebbe circa 100 mila iscritti, la FIBA CISL ne dichiara 90 mila….UNISIN poco più di 20mila, la Fisac Cgil e la UILCA UIL…non ho trovato dati, degli altri sindacati come la UGL, la Federdirigenti idem. Ma il punto è che questi sindacati hanno una struttura dove spesso è presente un dipartimento formativo o un gruppo di formazione o, più semplicemente, sul sito internet dedicano uno spazio per concentrare notizie sicuramente utili per gli iscritti (quanti sono coloro che accedono al sito per visualizzare le notizie non è dato a sapere, comunque soprassediamo).

Ebbene, quello che mi ha colpita è come sia possibile che il più grande sindacato dei bancari abbia un dipartimento di formazione con 9 persone dedicate allo scopo e un catalogo ricco di ben 20 corsi. Caspita, penso da me a me, i soldi degli iscritti sono ben impiegati vista l’offerta ai propri sindacalisti, ma….ecco che leggo in fondo alla pagina una precisazione in rosso…. dove c’è l’asterisco: il corso è tenuto da docenti esterni, ad un costo…??? Non è dato a sapere il costo. Ma allora? Come è possibile che un sindacato con decine di migliaia di iscritti si rivolga all’esterno e non… peschi dai propri iscritti che sicuramente con la professionalità acquisita potrebbero tenere gli aggiornamenti per i colleghi?? La cosa non mi piace…

L’altro sindacato, FIBA Cisl, ha ben 8 persone dedicate, ed eroga alcuni corsi ai propri quadri sindacali ma non è dato a sapere se sono tenuti da docenti interni o esterni, è molto attivo con convegni e seminari (mi spiegano a questi seminari cosa capiscono i cassieri o gli addetti ai titoli ?) Altro sindacato, UNISIN: eroga una decina di corsi con docenti interni (una decina almeno ma non si capisce quando li erogano); la Fisac Cgil eroga corsi ai propri quadri sindacali e la Uilca altrettanto. Ma è possibile che in nessun sito – alla faccia della trasparenza – siano pubblicizzati i costi sostenuti da queste organizzazioni sindacali per le attività formative? Presumo che i costi siano inseriti in bilancio. Già, ma i bilanci?  Non sarebbe bello tramite una veloce lettura di un bilancino, capire come sono impiegati i soldi delle tessere? Iscritti in attività o pensionati? Quanto si porta a casa un segretario nazionale? E un segretario rappresentante nella singola Banca? O il segretario regionale e…così via….sino alle cariche semplici? Sarebbe utile conoscere quanto viene a costare un sindacalista con distacco a tempo pieno. Sono stata invadente? Sono curiosa! E se qualcuno avrà la gentilezza di replicare a quanto sopra mi farebbe piacere, ma sopratutto il piacere lo dovrebbero fare ai propri iscritti.

“Lunga usanza vince diritto e ragione.” anonimo

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Il diritto di voto apre questa sera "i dè de l'indipendenza" a Trenzano

Articolo successivo

Color 44: l'11 settembre a Milano per la Catalogna indipendente