Convenzione Regione e Rai per produzione e realizzazione di programmi tv e radio in lingua sarda

sardegnaE’ stata firmata la convenzione tra la Regione e la Rai per la produzione e la realizzazione di programmi televisivi e radiofonici in Lingua sarda e italiana che saranno trasmessi durante la programmazione regionale, per tutto il 2017, su Rai 3 e Radio 1. “La convenzione – ha detto l’assessore della Cultura Claudia Firino – garantira’ fino al 31 dicembre 2017 la programmazione in sardo e italiano concordata con l’assessorato. E’ un risultato importante in quanto l’accordo garantisce l’utilizzo della Lingua sarda sui canali radio e tv della Rai, e riconosce inoltre l’articolazione territoriale della Rai nella nostra isola. Elemento importante, quest’ultimo, alla luce della riorganizzazione delle sedi, che vede depotenziate le competenze delle sedi regionali e aggrega la Sardegna a una macroarea lontana dalle nostre peculiarita’ culturali”. L’assessore ha assicurato che si continuera’ a lavorare per il riconoscimento della Lingua sarda negli strumenti normativi nazionali. “Il Dlgs n. 177/2005 – spiega – afferma infatti che il servizio pubblico radiotelevisivo garantisce la programmazione di trasmissioni in Lingua tedesca, ladina, francese e slovena. E la legge di riforma della Rai n. 220/2015 ha confermato questa impostazione, con risorse specifiche, per un valore di 15 milioni, a favore di un’unica convenzione, quella tra la societa’ concessionaria e la provincia autonoma di Bolzano. In attesa dell’approvazione della nuova concessione e del contratto di servizio, questa convenzione rappresenta dunque il nostro serio impegno sul tema. Un segnale a seguito del quale ci aspettiamo un altrettanto serio impegno da parte del Governo perche’ ponga fine alla discriminazione fra le minoranze linguistiche presenti nel nostro Paese”.

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. Bene e adesso la lingua Veneta nel Veneto…..la lingua Lombarda nella Lombardia….e via dicendo.
    Sarebbe ora di valorizzare il patrimonio linguistico delle varie regioni….sarebbe ora !!
    WSM

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

"Il Sudtirolo non è Italia": 1000 manifesti a Roma, il Tar del Lazio dà ragione ai separatisti dell'Heimatbund

Articolo successivo

The Week: nessuno vuole l'Europa della Merkel