Pacifinti o pacitonti? Venti di guerra, due pesi due misure

di AGILULFOrussia2

Venti di guerra. E come sempre due pesi e due misure. Russia e Gaza, ad esempio. Prese di posizione diverse, da sempre. E allora ricordiamo come siano diversi certi pacifisti a seconda delle convenienze.

«Morale è ciò che serve alla Rivoluzione», disse Lenin agli ufficiali dell’Armata Rossa, allibiti per l’ordine di sparare sugli operai in sciopero a San Pietroburgo. Era il 1921 e la Rivoluzione si stava affermando, contro tutti e contro tutto, soprattutto contro l’interesse del popolo russo. Ne furono vittima persino i movimenti di sinistra non in linea con il Partito Comunista, con i quali, anzi, la macchina repressiva fu particolarmente cruenta. «Morale è ciò che serve alla Rivoluzione», ripetevano i Brigatisti negli anni Settanta, a giustificazione dei loro crimini efferati, che spesso avevano come vittime proprio i figli del proletariato, fossero essi gli uomini delle scorte o semplici cittadini. La Sinistra italica ha imparato la lezione del massimalismo rivoluzionario sin da quel fatidico 1921 e continua a misurare le proprie scelte intorno a quel «morale è ciò che serve alla Rivoluzione», anche ora che quasi nessuno sa più che cosa sia questa Rivoluzione e che essa si confonde sempre più con un vago mondialismo incolore e insignificante.

Anche la scelta e la difesa della pace dipende da questa opzione e si accende e si spegne a intermittenza, a seconda di chi sia il “nemico” di turno. Chi ha avuto la ventura di viaggiare nei paesi dell’ex blocco sovietico sa quanto ossessionante fosse la ripetizione della parola “pace”: sui monumenti pubblici, sui muri delle fabbriche come su quelli degli abnormi e informi caseggiati popolari, sulle porte delle scuole e delle università, sui cancelli delle caserme e sui grembiuli bianchi dei “pionieri” dal fazzolettone rosso intorno al collo …

Eppure quei regimi sostenevano attivamente la guerra, che era sì “fredda” in Europa, ma sanguinaria nel resto del mondo. Eppure quei regimi – oggi è provato – sostennero anche la guerra del terrorismo rosso, in Germania e in Italia, contro le istituzioni dell’Occidente democratico. E a due passi da casa nostra giustificarono, sempre in nome della pace, l’infoibamento o la deportazione di decine di migliaia di persone colpevoli solo di appartenere ai popoli veneto-istriani in terre occupate dai comunisti di Tito. La pace è una cosa seria e ogni persona seria la desidera profondamente. Per questo la macchina propagandistica del comunismo ha sempre fatto leva su di essa, ovviamente solo a parole. La pace è una cosa tanto seria da escludere qualunque tipo di guerra, a meno che si tratti di legittima difesa. Non esistono guerre di sinistra o di destra: esistono solo guerre ingiuste (quasi tutte) e guerre di difesa, che si fanno malvolentieri in nome della giustizia che si deve anche a se stessi e alla propria gente. Per questo è molto ipocrita il silenzio rispetto a chi fa finta di non vedere che gli interessi in gioco sono molto più complessi di quanto vorrebbero farci credere le grandi lobbies internazionali. Per questo, però, è altrettanto ipocrita chi, in passato, se l’è presa solo e a senso unico con gli Stati Uniti e con le loro opzioni di politica estera, ieri come oggi. Oggi, che la guerra è a due passi da noi, mentre le nostre terre sono invase da migliaia di rifugiati o presunti tali (in Tunisia non è in atto nessuna guerra e, di solito, i profughi sono soprattutto donne e bambini, non maschi tra i venti e i trent’anni) colpisce l’assenza delle (cosiddette) bandiere della pace, colpisce l’assenza di girotondi e il silenzio di vescovi e parroci pacifisti militanti e militonti. Colpisce e fa pensare, perché, appunto, la pace è una cosa troppo seria per lasciarla a chi se ne occupa a comando e solo quando serve alla Rivoluzione, qualunque essa sia.

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Il Senato se la prende con gli uccelli. Chi paga la condanna comunitaria?

Articolo successivo

Dove sono finiti i clandestini di Mare Nostrum?