Comprensorio Vialattea – Dal marzo 2020 qui non è arrivato nessun ristoro

“Ormai siamo alla frutta. Con la chiusura degli impianti, muoiono intere vallate montane”. E’ sconsolato Alessandro Perron Cabus, amministratore delegato della ViaLattea, il secondo comprensorio sciistico piu’ grande d’Italia con 243 piste per un totale di 400 chilometri. “Non sappiamo piu’ cosa dire: per cinque volte ci hanno rimbalzati – ricorda -, per cinque volte ci hanno illusi, adesso non ci crediamo piu'”. Perron Cabus ha partecipato al flash mob ‘Il Mondo della Neve si Unisce’, ieri, al Campetto Clotes di Sauze d’Oulx, una delle sette localita’ piemontesi su cui si estende la Vialattea. “Per noi e’ una stagione persa al 100%. Dal 12 marzo dello scorso anno non abbiamo ancora visto un ristoro, c’e’ una confusione immensa, non riusciamo a capire cosa succedera’ domani, siamo veramente disperati”, osserva l’amministratore delegato del comprensorio. “La decisione di bloccare l’apertura degli impianti e’ sintomo di una incompetenza incommensurabile – sostiene il sindaco di Sauze d’Oulx, Mauro Meneguzzi -. Che la ViaLattea debba essere chiuso a 6 ore dalla riapertura non e’ assolutamente accettabile. Non ci possono fermare in questa maniera. E’ veramente offensivo. E la gente di montagna, solitamente mite e silenziosa, questa volta ha il dovere di far sentire la sua voce a Roma: la montagna non e’ un giocattolo, e’ industria del turismo, famiglie e lavoro, e merita rispetto”.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Brescia si conferma la più colpita dai contagi

Articolo successivo

Verso un nuovo welfare? Via i medici di base, avanti la telemedicina?