Commercio nelle sabbie mobili

“Il commercio e’ nelle sabbie mobili. A 7 mesi dall’inizio del lockdown i consumi languono e della ripresa economica non vi e’ traccia”. Cosi’ il presidente di Confimprese, Mario Resca, nel corso dell’assemblea annuale dell’associazione. “Come pensa il governo di aiutare il nostro settore? Non c’e’ industria senza distribuzione – aggiunge – e non c’e’ distribuzione senza l’impegno dei nostri imprenditori e dei nostri collaboratori, ma le risposte non ci sono. Siamo pronti a forme inedite di protesta per far valere le nostre ragioni nell’interesse del Paese. Il governo ha annunciato che lavorera’ a ridurre il cuneo fiscale e le tasse ma, tempi a parte, per noi resta una grande incognita: quali sono le intenzioni del Governo verso il commercio? E’ un settore labour intensive, nel dettaglio impiega 2,1 milioni di persone totali ma e’ in ginocchio. Nelle linee guida indicate finora dal Governo non c’e’ un progetto che riguardi il commercio”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Caso Diasorin, i pm: ricostruiamo chat dopo cancellazioni

Articolo successivo

Allarme Ue, senza misure adeguate nuovi lockdown