NOI COMMERCIANTI NON CI SENTIAMO DEGLI ACARI

di GUIDO CAMOZZI*

Non siamo e non ci sentiamo acari, nonostante i commercianti siano stati paragonati a questi fastidiosi parassiti.

L’accostamento è stato creato qualche tempo fa per uno spot pubblicitario che compare spesso sui canali RAI, contro l’evasione fiscale.

Spot che confronta i commercianti a questi invisibili parassiti che, in altri spot sono eliminati con sostanze chimiche e getti di vapore bollente.

Un accostamento di poco gusto, propagandistico creato ad arte per togliere l’attenzione dagli sprechi della politica, basta seguire programmi come Report, Linea Diretta o addirittura Striscia la Notizia per rendersi conto quanti soldi ha sprecato la politica, ponti, viadotti, ospedali, scuole, centri sportivi, caserme, siamo lo stato con il primato mondiale per lo spreco di denaro pubblico, è forse colpa degli acari !.

Faccio il commerciante da sempre, praticamente sono nato dietro il bancone, da commerciante non ho mai usato quei benefici che altre categorie “ buon per loro “  hanno ottenuto, non ho mai abusato del servizio sanitario, non ho mai abusato dei giorni di malattia, non ho mai abusato dell’infortunio, la mia vita è trascorsa al servizio della gente, non possiedo ville, non possiedo barche, non possiedo macchine di lusso, il mio negozio è in Lombardia e non alle Cayman.

Credo che l’aggressione mediatica che colpisce la categoria dei commercianti abbia raggiunto livelli inaccettabili, mentre fa pensare l’assenza a difesa della categoria delle associazioni.

Per questo motivo mi sento di ringraziare i colleghi che hanno deciso con sacrificio di continuare anche quest’anno la loro attività, senza dimenticare quelli che sono stati costretti a chiudere contribuendo loro malgrado al calo della vivibilità dei nostri quartieri e di tutta la città.

*Commerciante di Sesto San Giovanni

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

TORVISCOSA (UD), ASSEMBLEA SUL FUTURO DEL POLO CHIMICO

Articolo successivo

RAI: IL GENERALE DEI BRIGANTI CHE SEGUI' GARIBALDI