Colloredo (Ud), torna la disfida dei salami nostrani

di REDAZIONE

Torna a Colloredo di Monte Albano, venerdì 19 e sabato 20 aprile 2013, la disfida dei salami rigorosamente nostrani, con il singolare concorso del gusto “El me al è plui bon” che, nel 2013, arriva alla sua 11. edizione. A promuovere la curiosa manifestazione è la trattoria “Da Vico”, a Caporiacco, col patrocinio dell’amministrazione comunale di Colloredo di Monte Albano e il supporto di Digas.

Alla gara possono partecipare esclusivamente salami prodotti con carni suine macellate e lavorate nel territorio del Friuli. I salami vanno consegnati dalle 9 alle 12 di venerdì 19 aprile, presso la trattoria “da Vico”. La giuria sarà composta da persone qualificate e sarà divisa in gruppi composti da un capo coadiuvato da tre assaggiatori col compito di effettuare la prima selezione. I vincitori di ogni gruppo saranno a loro volta giudicati dai capi gruppo riuniti in giuria speciale che stilerà la graduatoria finale. L’inizio della selezione è previsto per le ore 19.30 di venerdì. Sabato, invece, cena a tema con l’assaggio di tutti i salami in gara e quindi, alle 22.30, premiazioni del miglior salame e del miglior norcino.

Saranno giudicati l’aspetto esterno del salame, l’aspetto interno, il profumo, il sapore e sarà presa in esame pure la parte stereognostica, ovvero l’assenza di tendini e parti filamentose che disturbano la masticazione.

Ben vengano e siano appoggiate e partecipate queste iniziative tradizionali – dice l’assessore al turismo, Luca Ovan -. Contro la globalizzazione dell’alimentare e contro l’eccessivo irrigidimento delle norme legate ai prodotti della gastronomia friulana e italiana più tipica e autentica”.

 

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. Ecco ….. bene così …. meglio che si parli dei salami padani a…. ah, pardon: FURLANI! In ogni caso terrei conto anche di quello cremonese (con o senz’aglio) e della sopressa di Valli del Pasubio ……… meglio pensare ai salami che alla salassata irpef che aspetta tutti tra poco!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Treviso, bisogna chiudere il traffico in via Inferiore

Articolo successivo

Bce: in Italia una famiglia su sei è povera. Le altre sono "ricche"