CLAMOROSO: LA LEGA NORD SALVA ANCORA COSENTINO

di REDAZIONE

I voti della Lega Nord ancora una volta determinanti per salvare Nicola Cosentino… Grazie ai parlamentari del PDL e della Lega, infatti, a cui si sono aggiunti pure quelli dell’UDC, la Giunta per le autorizzazioni ha votato a favore della costituzione in giudizio della Camera dei deputati contro la procura del tribunale di Santa Maria Capua Vetere sul conflitto di attribuzioni in merito al divieto di usare le intercettazioni telefoniche di Cosentino.

Se la scelta della Giunta sarà confermata dall’aula ci sarà quindi un avvocato della Camera dei deputati a difendere le ragioni di Nicola Cosentino davanti alla Corte Costituzionale che dovrà decidere sull’utilizzabilità delle intercettazioni. Praticamente un avvocato di alto profilo pagato da noi per difendere in nome dello Stato quello che la procura casertana definisce “il referente nazionale del clan dei casalesi”…

Infuriato l’ex-ministro dell’interno Maroni che non ha voluto commentare. Forse si starà chiedendo che slogan usare al prossimo raduno leghista: “Camorra ladrona la Lega ormai perdona”…!?

Intanto continua il siparietto fra Bossi e Belrusconi. Il Senatur continua a ripetere che o cade il governo Monti o cadrà la Giunta della Regione Lombardia. Il Cavaliere risponde che il Pdl non si sfilerà dall’appoggio all’esecutivo. Controreplica di Bossi: “Berlusconi è una mezza cartuccia, certe volte ha paura…”. Poi magari, quando si ritroveranno in privato, rideranno di questo giochetto, e insieme decideranno quando è l’ora di far planare a terra il Celeste Formigoni. Il quale, da parte sua, continua a professarsi tranquillo. Le minacce della Lega di far cadere la Giunta regionale lombarda? Per il presidente della Regione Lombardia «non accadrà nulla di tutto ciò» e il Carroccio «minaccia in modo roboante» di fare queste scelte che, però, «non porteranno novità». Intervistato dal Tg3, Formigoni ha detto che, qualora il Carroccio dovesse davvero far cadere la Giunta, «sarebbe difficile, se si rompe un’alleanza, ricomporla in 15 giorni». «Però – ha osservato il presidente lombardo – credo che non capiterà nulla di tutto ciò: la Lega non commetterà l’errore esiziale per se stessa di uscire da un governo regionale che sta funzionando bene da 12 anni, che i cittadini hanno riconfermato più volte alla guida della Lombardia». «Stiamo ottenendo risultati importanti e mi creda: la Lega da questo presidente ha sempre ottenuto il riconoscimento dei suoi pregi e delle sue capacità di governo. Quindi – ha concluso Formigoni – non credo proprio che la Lega farà queste scelte. Le minaccia in modo roboante ma non porteranno novita».

 

FONTE ORIGINALE: http://isegretidellacasta.blogspot.com

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

PIEMONTE, COTA FA LA CONTA: CHI LASCERA'?

Articolo successivo

PRATO, LA LEGA SI SPACCA: "NON SIAMO SECESSIONISTI"