LE CINQUE GIORNATE DI RADETZKY

di OTTONE GERBOLI

Sul Risorgimento sono stati versati nel tempo bidoni di retorica. Uno degli eventi più alluvionati sono le Cinque Giornate di Milano: su di esse la pubblicistica patriottica ha ricamato di tutto e di più esaltando e ingigantendo episodi e personaggi e trasformando una “onesta” sollevazione popolare in una sorta di evento guerresco ed epico di portata colossale. Non hanno – per contro – scherzato neppure i detrattori riducendola a una rissa di osteria.

Finalmente si può disporre di una opera storica equilibrata e serie che ricompone tutti gli avvenimenti all’interno delle loro giuste proporzioni e del valore storico che hanno avuto.

Giorgio Ferrari ha pubblicato presso una minuscola casa editrice milanese un resoconto serio ma anche affascinante di quelle lontane giornate, del loro contesto e dei loro esiti.

Non ne viene fuori un affresco alla Hugo – che non avrebbe avuto senso – ma una narrazione completa di tutte le sfumature di quei giorni straordinari, pieni di buone intenzioni, entusiasmi, eroismi ma anche viltà e meschinerie. Racconta dei personaggi coinvolti e delle loro gesta gagliarde o prudenti, della misura nella quale come il popolo milanese si è fatto coinvolgere o ha voluto partecipare con passione. Nulla di nuovo sotto il sole: vi si vedono ritratti i lombardi di oggi, con luci e ombre, pregi e difetti, grandezze e taccagnerie morali.

Vuoi vederci chiaro?

Acquista Subito a Prezzo Scontato su IBS il libro di Giorgio Ferrari Le cinque giornate di Radetzky

Tolto il velo sberluscente della retorica, le vicende sono più chiare e comprensibili. Si capisce innanzitutto che la vicenda non era in bianco e nero, ma in una traballante scala di grigi: buoni e cattivi erano equamente distribuiti e – come tutti e come sempre – anche i protagonisti di quei giorni erano a volte buoni a volte cattivi, spesso anche le due cose contemporaneamente. Certo varia la statura dei protagonisti. A fronte delle piccole debolezze e degli eroismi minori di una pletora di figuranti, o della non brillante figura di alcuni di quelli che passeranno come “Padri della Patria” (Manzoni, Verdi, il mellifluo Casati e – naturalmente – lo stralunato Carlo Alberto) si ergono le personalità gigantesche dei due protagonisti principali: Cattaneo e Radetzky. Sembra quasi che tutta la vicenda si giochi fra di loro, che sia un duello a distanza fra due uomini che si detestano ma che si rispettano. Due che alla fine ne usciranno ugualmente sconfitti: il vecchio Maresciallo perché rappresenta un passato che sta per soccombere, il Cattaneo perchè è il portatore di idee troppo avanzate e moderne per il suo tempo.

Quello che alla fine – visto a un secolo e mezzo di distanza – risulta straordinario è che in due in qualche modo volevano le stesse cose: un Impero maggiormente rispettoso delle autonomie locali, quasi una corona tripartita (con il Lombardo-Veneto alla pari con Austria e Ungheria) il primo, una federazione di popoli liberi anche all’interno dell’Impero asburgico il secondo.

Entrambi detestavano – sia pur per motivi non perfettamente sovrapponibili – i Savoia e lo stato pasticcione e illiberale che stavano costruendo.

Il libro di Ferrari finisce con il funerale milanese di Radetzky, snobbato dalla gente che lo amava e lo odiava allo stesso tempo: diventato milanese al punto di volerci restare a fare il pensionato e di essersi rifiutato di bombardare e distruggere la città insorta. Lo faranno altri.

TITOLO:  Le Cinque Giornate di Radetzky; AUTORE: Giorgio Ferrari; EDITORE: Milano: La Vita Felice, 2008; PAGINE: 253; prezzo: 12,50 euro

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

UN LASER PER RILEVARE TRACCE DI COCAINA NEL SANGUE

Articolo successivo

LOMBARDI, SPRANGHIAMO LE PORTE AL FISCO ITALIANO