/

Ci serve il federalismo, non il cambio in eterno della legge elettorale

federalismo

di Mario di Maio – In Italia non c’è campagna elettorale nazionale o locale in cui almeno una forza politica non reclami riforme costituzionali.

immancabilmente viene anche auspicata una modifica della legge elettorale vigente.
In pratica, sembrerebbe che i partiti , al di la’ del legittimo desiderio di aumentare il proprio consenso tra gli elettori, percepiscano che occorre un “qualcosa” in più rispetto alla semplice propaganda e che questo “qualcosa” non sia di loro competenza ma “del sistema”.
 E’ importante rilevare a questo punto che il problema del ” qualcosa” non è particolarmente avvertito a livello di elezioni municipali, ma piuttosto da quelle provinciali “in su'”. E perché?
Perché in ballo c’è l’equa ripartizione e gestione delle materie di rispettiva competenza, a partire da sanità, scuola, strade e ordine pubblico.
L’introduzione di un serio federalismo, accompagnato da un rigoroso federalismo fiscale potrebbe risolvere felicemente la questione, e in tempi relativamente brevi, ma, finora il federalismo è stato bandito come la peste perché ritenuto ” pericoloso ” per la Repubblica una e indivisibile.
Speriamo che a Roma finalmente ” si guardino in giro” e ne studino i meccanismi dove è già in vigore. Viceversa dovremo accontentarci in eterno di cambiare la legge elettorale.
Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Il Male cerca sempre un nemico per farsi strada. Stranieri, disabili, avversari politici, autonomisti, ebrei...

Articolo successivo

Stato cattivo pagatore. Ma allora perché lo subiamo senza fargli la guerra?