Chi fa politica deve superare un esame. Vogliamo il meglio, non i nominati

di Giancarlo Rodegher – ” Serve solo una classe politica onesta, competente e questo è il problema”.
Ho riportato l’ultima frase di Stefania Piazzo nel pezzo http://www.lindipendenzanuova.com/schiacciati-dal-troppo-stato-e-dal-liberismo-illusorio-serve-ancora-un-socialismo-padano-per-uscire-dalla-crisi/
perché in essa sono racchiuse tutte le doglianze e le verità che ha espresso così bene nel suo articolo.
E’ chiaro a tutti che in Italia esistono solo lauree ad honorem per i soliti politici noti i quali in diversi casi sono solo dei falsi riconoscimenti stante all’operato dei premiati. Non faccio nomi.
Nutro seri dubbi che l’Italia ce la possa fare perché il fattore tempo gioca tutto a suo sfavore.
Non esiste una classe politica seriamente preparata e vagliata da eminenti esperti.
Chi vuol fare politica dovrebbe oltre che laurearsi…sottoporsi a vari esami di stato con i quali verificare le attitudini, su quali competenze può contare, quali esperienze lavorative o imprenditoriali ha esercitato un certo numero di anni, se ha le caratteristiche di un leader, se psicologicamente e predisposto ad una carriera politica, quante lingue straniere conosce, etc..etc..
Insomma un politico deve essere il meglio che la società ha a disposizione per rendere un paese moderno ed efficiente, nonché libero da qual si voglia condizionamento di qualsiasi tipo.
Dopo questo devo anche cedere al fatto che tutto dipende sempre dalla persona, dalle persone. Una volta solo i ricchi i potenti potevano andare in guerra armati di tutto punto, gli altri erano carne da macello, e così nei secoli solo le oligarchie comandavano ed erano al potere Oggi non è cambiato nulla, anzi forse è ancora peggio. La sensazione è che la battaglia per migliorare questo mondo sembra già persa. Sono 2020 anni che Gesù Cristo è venuto sulla terra e siamo sempre a parlarci addosso delle sempre stesse cose. Ci sarà un motivo se ci ha promesso di ritornare sulla Terra e mettere fine a questo scempio scellerato dell’umanità e giudicare tutti dal primo all’ultimo.

Tornando a noi, a democrazia oggi in Italia non esiste, ma si potrebbe dire anche per moltissimi altri paesi del mondo. E’ solo una parvenza (mascherata). Il cittadino ( diventato suddito) non merita mai fiducia, ma solo imposizioni, coercizioni, multe e via dicendo.
Finisco dicendo che per creare una classe dirigente, politica e non, servono molti anni e l’Italia non né ha più a disposizione perché ai nostri politici non servono persone capaci, ma perfetti idioti da manovrare a piacimento per la tutela del loro…sedere e quello dei loro “amici”.
La prognosi è scontata, ma durerà ancora molti anni nonostante i fuochi artificiali che le istituzioni e la nomenclatura fanno che ” tutto andrà bene”! Purtroppo la realtà e la verità ci dicono che non andrà tutto bene, anzi sarà una lenta agonia, dolorosa e insopportabile.

Gli idioti ottimisti mi fanno pena perché sanno di mentire. Mi rifaccio a coloro che hanno la pancia piena ed elargiscono 600 euro, una misera cifra, che secondo loro dovrebbe lenire a chi si trova sul precipizio un solido appiglio per non cadere. Da qui si capisce con chi abbiamo a che fare. Gente che non sa cosa vuol dire guadagnarsi giorno dopo giorno la pagnotta. D’altronde come fanno a capirlo ? Loro sono al TOP ma attenzione che coloro che saranno umiliati, saranno esaltati e viceversa per i TOP. Ma dire certe cose a certa gente non serve a niente. Meglio lasciare che facciano sino a che il tempo sarà a loro disposizione.
Una cosa è certa, come ho scritto altre volte, il mondo così com’è anche oggi non può continuare ad ignorare che siamo tutti responsabili delle generazioni future e che un drastico cambio di passo è non solo necessario ma indispensabile se vogliamo salvare la Terra ed il genere umano.

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Senzasconti, Rizzi in studio ad Antenna 3 con Bernardelli

Articolo successivo

Effetto Contevirus: 100mila aziende in meno entro fine anno