Cgil Lombardia, aumentano i contagi nelle scuole, allarme inascoltato da Regione

“Stiamo denunciando da tempo, insieme alle altre organizzazioni sindacali regionali, il colpevole ritardo di Regione Lombardia del piano di vaccinazioni rivolto a tutto il personale scolastico. Ricordiamo, in primis all’assessore al Welfare, nonche’ vicepresidente di Regione Lombardia Letizia Moratti, che la scuola in Lombardia per tutti gli alunni e alunne della scuola dell’ Infanzia, primaria e secondaria, da settembre scorso è svolta in presenza con tutti gli operatori scolastici nelle scuole. La scuola secondaria, per una mancata programmazione del trasporto pubblico locale, è stata costretta alla didattica a distanza e solo da gennaio si è ripresa la scuola in presenza per il 50 per cento degli studenti e studentesse ma, ricordiamo che tutto il personale scolastico è sempre rimasto a scuola per garantire non solo la dad ma, anche, per le lezioni in presenza per gli studenti disabili, la frequenza dei laboratori e per gli studenti con bisogni educativi speciali. I dati sono allarmanti. Nelle scuole crescono i contagi e classi in quarantena. Dirigenti scolastici, docenti, personale ata presenti nelle scuole insieme a centinaia di alunni/studenti e con continui spostamenti, sono soggetti ad alto rischio” Lo afferma in una nota il sindacato Flc Cgil Lombardia.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

La politica ha bisogno di bellezza. Chiude il primo ciclo di lezioni alla Scuola quadri di Grande Nord

Articolo successivo

Avevano voluto portare Alitalia da Malpensa a Roma... Un errore dietro l'altro