C’è la ripresa: metalmeccanici, 10mila posti di lavoro a rischio

costo lavoro

Potrebbero essere tra i 5 e i 10.000 i posti di lavoro a rischio nelle aziende metalmeccaniche torinesi se non ci sara’ un miglioramento delle condizioni, che consenta la ripresa. A dirlo il segretario della Fiom torinese Federico Bellono, che ha spiegato che questo numero potrebbe ulteriormente aumentare considerando le aziende piu’ piccole. “E’ un quadro chiaro/scuro – ha detto Bellono – che non puo’ lasciarci tranquilli. Rischiamo di continuare a vedere un restringimento della struttura industriale “. Ed il tema del lavoro sara’ al centro della decima Festa della Fiom torinese, che si aprira’ il prossimo 8 settembre a Mirafiori in un’ex area Fiat. Nella prima giornata, che sara’ aperta dall’assemblea dei delegati, interverra’ il segretario generale Maurizio Landini sul tema “Il futuro della Costituzione e il referendum “. All’appuntamento torinese interverra’, inoltre, per la prima volta la segretaria generale della Cgil Susanna Camusso, l’11 settembre sempre nella stessa giornata e’ previsto l’incontro “Quale lavoro nel futuro di Torino ” con la sindaca Chiara Appendino, Giorgio Airaudo e Gianni Cuperlo.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Se il Nord abbandona il bordello. Lo suggeriva anche l'Fmi

Articolo successivo

Olimpiadi, il sindaco di Cosenza: fatele qui e chiamatele Giochi della Magna Grecia