Cavalera (Ordine Giornalisti Lombardia): no ad abuso parole sul coronavirus

di Stefania Piazzo – Dobbiamo fare nostre le parole con le quali Fabio Cavalera, collega che ben rappresenta l’Ordine dei giornalisti, commenta sui social come i media affrontano la notizia dei focolai di coronavirus. Cavalera parla, a ragione, di abuso di parole. La responsabilità di comunicare, in momenti come questi in cui fare giornalismo si carica soprattutto di una responsabilità sociale cruciale per la sicurezza e l’ordine pubblico, deve tornare ad essere il solo punto di riferimento. La verità sostanziale dei fatti, non è un opinione, è giornalismo.

di Fabio Cavalera 

#coronavirus ottimo Sergio Harari sul Corriere: «é importante che fake news e comportamenti da panico siano azzerati». «La grande maggioranza dei pazienti guarisce senza complicanze e la mortalità è bassa, molto più bassa di altre malattie».
Fra Lombardia e Veneto 15 milioni di residenti, 106 casi per ora (89 in Lombardia, 17 in Veneto più 2 in Emilia, 2 in Lazio, 1 in Piemonte), due morti. Aumenteranno, non c’è dubbio. Servono di certo misure severe, efficaci, immediate e forse impopolari ma serve anche che i professionisti della manipolazione vengano messi in quarantena. Un’occhiata a certe prime pagine offre la dimensione di come generalizzazione, banalizzazione, strumentalizzazione e ignoranza portino a titoli che causano paura e ansia, pieghino la realtà, generino caos informativo utile solo ai mestatori e agli stupidi.
Ancora bene il Corriere che si attiene alla cronaca in prima pagina.
Per il resto ognuno giudichi come vuole. Dal Fatto a Repubblica, dal Messaggero alla Stampa, dal Resto del Carlino al Gazzettino, abuso di parole: assedio, stato d’assedio, città chiuse, paralisi…
C’è un’emergenza sanitaria, ci sono le strutture e le intelligenze per affrontarla. Non l’intelligenza e la sensibilità dei titolisti di certi quotidiani.

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. Il fatto che il coronavirus è una novità in Italia è una pacchia per i giornalisti sciocchi che abusano della debolezza della gente e se ne fregano di una responsabile professionalità nel fare il loro mestiere…poveretti, ma disonesti!…per fortuna c’è qualche eccezione e a fare una cernita ci penseranno gli eventuali lettori, data la scarsa loro platea… se non ci fossero poi le televisioni a dargli voce un po’ alla volta sparirebbero, e questo sì sarebbe un danno, in primis ovviamente per la categoria..

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Air Italy più Solinas, cosa potrebbe andare storto?

Articolo successivo

Ci aumentano le bollette mentre discutono di legge elettorale