Raggio di sale - Page 122

Ma come fanno a sparire 35 algerini a Fiumicino?

di GIOVANI D’ACQUINO Meglio anche di Houdini. Lui faceva tutto da solo, ma era sempre uno e uno soltanto. Loro, invece, erano in 35 e sono riusciti a sbaragliare sorveglianza e passaggi controllati (si credeva….). Arrivavano  da Algeri o Istanbul, e in un nanosecondo si sono dileguati dopo l’atterraggio a settembre. Per fortuna che l’allerta…

Tfr, poche aziende in grado di sopportare l’anticipo di Renzi

di REDAZIONE Secondo i calcoli dell’Ufficio studi della CGIA, l’eventuale anticipazione del 50 per cento del Tfr ai dipendenti potrebbe costare alle piccole imprese un importo annuo che oscilla tra i 3 e i 30 mila euro circa. Segnala il segretario della CGIA, Giuseppe Bortolussi: “Premetto che il Tfr è una forma di salario differito,…

Dopo le bombe “intelligenti”, i droni “intelligenti” sul Pakistan

di ANDREA CARLO MONTI Esistono realtà talmente spaventose ed inumane, così inconcepibili per noi che viviamo nel ventre della bestia, che raccogliere informazioni su di essere risulta più difficile per l’imbarazzo che provocano piuttosto che per la loro effettiva reperibilità; in particolare la mia attenzione è stata attirata da una nuova tecnologia che si è…

Tranquilli, siamo già stati comperati dai cinesi

RASSEGNA STAMPA di CAMILLA CONTI Attenti a Mister Hu, ex economista al Fondo monetario internazionale nonché ex presidente di Goldman Sachs in Cina, che dichiara di essere pronto a investire parecchi miliardi di euro in società del Made in Italy. Nel 2010 ha fondato Primavera Capital, la più grande società di investimenti privata in Cina.…

Il patto del Nazareno finisce in Procura: denuncia per Renzi e Berlusca

di BRUNO DETASSIS Somiglia per certi versi al patto del camper nell’era di Craxi e Forlani, Ma sul patto del Nazareno, molto c’è ancora da dire e da scoprire, anche se gli accordi tra Renzi e Berlusconi sono tutto sommato semplici da intuire: dalle riforme del Parlamento alla legge elettorale alla giustizia. Ma tutto finisce…

Gli svizzeri rifiutano una cassa malattia pubblica. Vedono l’Italia

RASSEGNA STAMPA di SVIZZERATV.IT – Gli svizzeri continueranno ad assicurare la propria salute presso le 61 compagnie private esistenti (dette “casse malati”), e i ristoranti del Paese rimarranno assoggettati a un’IVA normale dell’8%, contro il 2,5% applicato ai take-away e alla vendita al dettaglio di prodotti alimentari. Entrambe respinte, dunque, le iniziative federali sottoposte a voto…

Dalla fantasiosa Macroregione al referendum vero. Se la sinistra non fa muro

di CLAUDIO BOLLENTINI Il recente referendum indipendentista in Scozia ha acceso i riflettori sulle tante vocazioni separatiste presenti in Europa, dai baschi e catalani in Spagna, ai fiamminghi in Belgio, per non parlare degli indipendentisti corsi in Francia e così via, l’elenco comprende veramente centinaia di movimenti presenti un po’ dovunque. Compresa l’Italia. Si è…

Veltri: confisca beni mafiosi? Una bufala di Stato e ministri dell’Interno

di STEFANIA PIAZZO La tv svizzera in dieci giorni a fine agosto, ha realizzato quattro servizi sulla ‘ndrangheta. Hanno parlato procuratori, e anche un ex reggente di cosca crotonese, Luigi Bonaventura. Sapete che ha detto? Che “la ‘ndrangheta è ovunque”, da 40 anni. La Svizzera almeno ne scrive e si interroga dopo la scoperta di…

I precari dell’Istat bloccano i dati Istat sui contratti. Chi la fa, l’aspetti

di DISCANTABAUCHI Ironia. Coincidenza. Ma quando la statistica per fare il proprio mestiere, cioè raccogliere i dati economici, dire quanti disoccupati ci sono, quanti cittadini sono al lavoro, impiega personale precario… ti puoi anche aspettare che la parabola sia quella di vedere l’Istat impallato perché i propri precari si mettono in assemblea e congelano la diffusione dei…

Una povera Europa: da Kiev a Londra, passando per Madrid

di PIETRO REINA E’ francamente avvilente constatare come l’Europa segua gli Stati Uniti sulla disputa tra Ucraina e Russia. La politica estera degli Stati Uniti dell’ultimo decennio ha dato una pessima prova delle capacità lungimiranti della classe dirigente USA: l’intervento in Iraq voluto da George Bush è stato in un certo senso il capostipite di…