di GIULIO ARRIGHINIschettino

In questo paese abbiamo avuto come parlamentari dei terroristi, delle prostitute, ufficiali. Perché su quelle ufficiose e sui loro puttanieri amici ci sarebbe una più vasta letteratura politica. Non ci si deve stupire e forse neanche indignare più di tanto se il povero Schettino diventa anche prof. al master di criminologia per raccontare come si gestiscono le esperienza di panico. Cioè scappando.

Sono lontani i tempi della capitaneria di porto, “Comandante, torni sulla nave…. Cosa vuole fare, vuole tornare a casa?”. Macchè, lui vuole tornare sulla tolda di comando, ma accademica. Prima ti rimuovono e poi ti promuovono, tanto, sempre mare nostrum è.

L’ex comandante della Costa Concordia Francesco Schettino ‘docente’ a ‘La Sapienza’ di Roma, ebbene sì, stando a quanto leggiamo sul quotidiano   ‘La Nazione’. L’ex comandante ha raccontato l’esperienza del naufragio della Concordia. ”Sono stato chiamato perche’ sono un esperto”, ha detto Schettino, secondo quanto riporta il quotidiano. ”Dovevo illustrare la gestione del controllo del panico – prosegue -. O meglio qual e’ la componente umana in situazioni del genere. D’altronde ho viaggiato in ogni mare del mondo. So come ci si comporta in casi del genere, come bisogna reagire quando ci sono equipaggi di etnie diverse”. ”Scelte fatte – ha ribadito agli studenti – che hanno avuto tutte una componente umana fondamentale”. Quale, Schettino?

Giulio Arrighini, segretario Indipendenza Lombarda