Europa e Mitteleuropa - Page 3

24 maggio 1915. E l’Italia attaccava il Tirolo…

Almeno quella volta il Regno d’Italia consegnava la dichiarazione di guerra. Non come nel 1848 contro l’Austria o nel 1860 contro il Regno delle Due Sicilie. Ma non potevano fare altrimenti: i loro nuovi alleati lo pretendevano. Per non essere troppo innovativi tuttavia, gli italiani evitarono di dichiarare guerra alla Germania fino all’agosto del 1916,…

Over 40, quando trovare il lavoro o farsi assumere è una utopia

    di MASSIMILIANO PRIORE – Questa volta più che un articolo, vorrei scrivere un post personale e lo faccio per portare la mia testimonianza circa un problema che è stato toccato su una delle pagine de lindipendenzanuova.com che a sua volta ha ripreso un articolo de “Linkiesta”. Sto parlando della disoccupazione dei quarantenni e della loro…

E da Austria nuovo monito a Lega: chi sfora debito fa danno in Europa

Ordine, regole e sanzioni, per riformare la Ue e risvegliare il ‘malato’ dalla crisi. “Ci sono troppe poche sanzioni nella Ue, ad esempio contro chi sfora le regole del debito o lascia passare i migranti irregolari da uno Stato all’altro”. Ogni riferimento all’Italia e’ volutamente non casuale. Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz e’ a Mauthausen per…

Rizzi: Austria e Germania antidoto alla supremazia leghista in Europa

di MONICA RIZZI – Prima di fare i conti serve l’oste. E siccome a tener banco nella bottega sono anche gli altri e non solo l’uomo che parla dai balconi, bisogna ricordare che altri non la pensano come la Lega, in Europa. E che l’Europa, per fortuna, non appartiene a Salvini. Infatti il messaggio è…

Cosa saremmo senza le cattedrali. Trova la differenza tra Notre Dame, San Marco e Instagram

di STEFANIA PIAZZO – Ieri sono intervenuti i capi di stato a commentare il disastro. Persino Trump tra i primi. Ma nel momento in cui scriviamo non abbiamo ancora sentito la voce del capo della cristianità. Un caro amico davanti alla devastazione di Notre Dame ha commentato: “Saint Denis vandalizzata da torme di “profughi” (terza…

Svolta anti-populista in Slovacchia

rassegna stampa di CARLA ATTIANESE – Una sferzata anti establishment, ma lontana, lontanissima dal populismo, è possibile. È questo il titolo della notizia, a suo modo clamorosa, che arriva dalla Slovacchia, paese ultra tradizionalista e nella sfera di influenza di quel blocco di Visegràd che si è fatto profeta dell’ultranazionalismo di destra, dove a vincere le presidenziali è stata la…

L’EUROPA PUO’ ANDARE OLTRE DESTRA E SINISTRA?

di MARIO DI MAIO – Indipendentemente dall’epilogo che avrà, la  Brexit è il primo eclatante esempio di sovranismo da “delusione” nonostante i privilegi invidiabili che avevano accompagnato l’ingresso e la partecipazione a Cee ed Ue della Gran Bretagna.  E finora l’esperienza ha dimostrato che per superare la sostanziale dittatura che caratterizza l’attuale U.E. non esistono…

La Scozia insegna: chi vuole la libertà vuole l’Europa dei popoli, non la Brexit

di ROBERTO PISANI – Ai più può sembrare una contraddizione parlare di identità dei popoli in un contesto, come quello attuale, di europeismo e globalizzazione, dove si stringono accordi commerciali e politici con stati così distanti da noi e non solo geograficamente. Invece no! L’identità dei popoli è sempre più importante e deve essere rafforzata…

Regioni d’Europa? Lombardia battuta dall’Est. Senza idee crescono divario e populismo

di STEFANIA PIAZZO – Europa, vogliamo andare in Europa. Anzi, vogliamo restare in Europa, argomentano giustamente coloro che intendono contrastare l’urto sovranista. Ma conosciamo lo sviluppo delle regioni d’Europa? Perché qualsiasi dibattito sulla macroegione, sull’autonomia, non può non tenere conto dei numeri. Anche l’Europa per cominciare, ha i suoi ricchi e i suoi poveri e…

Lugano o Reggio Calabria? Dalla Lega di Maroni a quella di Salvini scopri le differenze

di MONICA RIZZI – Non è di oggi la conversione del neoleghismo al Sud. Quando cinque lontani anni fa, mentre nessuno avrebbe mai scommesso sulla rotazione odierna del carroccio da territoriale a nazional-unitario, un personaggio allora di spicco nella politica leghista lombarda, un maroniano tutto d’un pezzo, un uomo delle scope, Fabio Rizzi, ex senatore e al…