Mas pronto a varare il decreto per il referendum del 9 novembre

di GIOVANNI D’ACQUINOmas

Madrid o non Madrid, la Catalogna andrà a votare il 9 novembre prossimo. Sabato mattina  il presidente della Generalitat, Artur Mas, varerà ufficialmente gli atti per indire la consultazione e avviare le fasi verso il voto. Prima ci sarà un disegno di legge e con la firma del decreto del 9 novembre, ci saranno i colloqui in materia di indipendenza della Catalogna.

Dall’altra parte delle barricate, il premier spagnolo, Mariano Rajoy, è pronto a convocare un nuovo Gabinetto straordinario per contestare avanti la Corte Costituzionale la legge e il decreto di convocazione delle consultazioni.

Insomma, Mas nel suo libro bianco, fa sapere la stampa, ha intenzione di non rinnegare   la tabella di marcia per la Catalogna indipendente.

Secondo l’Associazione dei Comuni per l’Indipendenza, poco più di 828 su 900 Comuni,  sono pronti a confermare la propria adesione al percorso di autodeterminazione.

Print Friendly, PDF & Email

3 Comments

  1. Commenti generosi a parte (tipici di partito) in Scozia si è persa una grande (storica) competizione indipendentista. Cio’ è accaduto a nord dell’Europa, in Gran Bretagna, dove esiste la piena democrazia. Che dire del prossimo referendum in Catalogna ? Che gli stati (Spagna e Italia)
    costituitisi con la guerra o con la menzogna non cedono facilmente il potere e ai referendum oppongono ogni mezzo (anche illegale) forti della loro indiscussa superiorita’. Che preoccupa molto sono anche le istituzioni, internazionali e sovracostituzionali , che mai si pronunciano in favore dei popoli che vogliono autodeterminarsi. Zaia a parte, il quadro europeo è poco confortante. Viva San Marco

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Il Corriere, Renzi e la massoneria. Scazzo forte tra poteri forti

Articolo successivo

I precari dell'Istat bloccano i dati Istat sui contratti. Chi la fa, l'aspetti