Catalogna, Aragone’s riparte con un nuovo governo. L’indipendenza priorità dell’esecutivo

“Il mio impegno per l’indipendenza della Catalogna non solo continua, ma e’ piu’ convinto che mai”: lo ha affermato Pere Aragone’s, governatore di questa regione spagnola, parlando a giornalisti dopo aver riformulato il proprio esecutivo, visto il passaggio degli ex alleati di Junts all’opposizione. “Lavoriamo per ottenere un referendum riconosciuto dalla comunita’ internazionale e da tutte le parti in causa”, ha aggiunto, “io non abbandono, non diserto ne’ rinuncio”. Aragone’s ha poi detto che cio’ non e’ incompatibile con il suo obiettivo di governare per “l’intera Catalogna”.

Il presidente della Catalogna, Pere Aragones, “non capirebbe” un eventuale rifiuto dell’ex alleato Uniti per la Catalogna (JxCat) all’approvazione della prossima legge di bilancio, dato che e’ stata redatta da un esponente del loro partito, l’ex assessore all’Economia Jaume Giro’. Aragones lo ha detto al termine della prima riunione della nuova giunta dopo l’uscita dall’esecutivo del partito di Carles Puigdemont. Il capo dell’esecutivo ha spiegato che la proroga del bilancio non e’ la prima opzione ma puo’ essere una possibilita’ ora che non puo’ piu’ contare su una solida maggioranza. A questo proposito, Aragones ha sottolineato che dopo il cambio di governo “e’ molto difficile” che i conti vengano approvati prima del primo gennaio, per cui le procedure inizialmente previste “subiranno un ritardo”. I nuovi membri del governo hanno prestato giuramento oggi in una cerimonia tenutasi nella Sala Sant Jordi del Palau de la Generalitat. Aragones li ha ripetutamente invitati a lavorare per “tutta la Catalogna”, ringraziandoli per il passo compiuto “in un momento complesso” e in vista di “tempi difficili”.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Federalberghi, caro governo i conti a noi non tornano

Articolo successivo

Operazione memoria 3 / Quell'autonomia sempre con la bozza pronta... All'infinito