“CASO PENATI”: ALTRI SEI INDAGATI. TRA LORO PONZELLINI

di REDAZIONE

Ci sono sei nuovi indagati nell’inchiesta della Procura di Monza sul “sistema Sesto”, lo scandalo che ha travolto l’ex presidente della Provincia di Milano e ora consigliere regionale lombardo Filippo Penati. Nomi eccellenti, accusati di finanziamenti illeciti a Penati: spiccano quelli di Massimo Ponzellini, ex presidente della Bpm, e di Enrico Corali, presidente della Banca di Legnano (controllata da Bpm).

Oltre a loro sono indagati, secondo quanto riporta la Repubblica anche due imprenditori considerati vicini al centrosinistra pugliese e a D’Alema: Enrico Intini, indagato anche a Bari per turbativa d’asta e vicino a Gianpaolo Tarantini, e Roberto De Santis, comproprietario del veliero di D’Alema. Entrambi sono soci in MilanoPace, immobiliare che, molto attiva a Sesto, ha versato 20mila euro a “FareMetropoli”, fondazione creata proprio da Penati. E in un palazzo costruito da MilanoPace nell’ex Stalingrado d’Italia vive Giordano Vimercati, ex capo di gabinetto di Penati.

Gli altri due indagati sono Piero Rossi e Carlo Sergio Parma, l’uno fedelissimo di Penati e presidente di FareMetropoli, l’altro consulente della fondazione: sono accusati di aver gestito la raccolta dei finanziamenti illeciti.

La Fondazione infatti, secondo gli inquirenti, ha incassato 368mila euro, a fronte dei quali però non risulta l’organizzazione di alcuna iniziativa che possa giustificare le spese: il sospetto dei magistrati è dunque che la fondazione servisse come collettore di tangenti per Penati.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

GRILLO: M5S SALVA IL CULO AI PARTITI. E AI SUOI: TV VIETATA

Articolo successivo

BOSSI E LA FAMILY, LA STORIA SEGRETA IN UN LIBRO