Caso Gregoretti, il gup: “Da Conte ottima testimonianza. Premier non poteva seguire tutto minuto per minuto”

“Il premier Conte e’ stato molto collaborativo, molto profondo nelle risposte”. Lo ha detto il Gup di Catania, Nunzio Sarpietro, al termine dell’audizione di Giuseppe Conte a Palazzo Chigi sul caso Gregoretti. “Ha fatto un’ottima testimonianza che mi ha chiarito tantissimi elementi sulla politica di governo e sulla ricollocazione dei migranti nei vari eventi Sar”, ha aggiunto.

“Non parliamo ancora di reati, stiamo parlando di un processo in cui bisogna accertare se c’e’ reato, ma nella politica generale di governo quella del ricollocamento era una costante. Conte era informato sull’azione di governo di Salvini e dei singoli fatti ed era anche d’accordo? Penso che il presidente del Consiglio sia informato di mille cose ma non credo possa seguire tutto minuto per minuto”.

“Non si può dire (Conte, ndr) che abbia avallato le azioni di Salvini. Il presidente del Consiglio è quello che detta la politica generale del Governo”. Lo ha detto il Gup del processo GREGORETTI, Nunzio Sarpietro, uscendo da palazzo Chigi. A chi gli chiede se ci sia stata una coralita’ di azione, Sarpietro risponde: “I singoli eventi erano curati dai singoli ministri. E nei vari casi c’era il ministro Salvini prima e poi la ministra Lamorgese”.

“Il 19 febbraio sentiremo l’allora vice presidente del Consiglio Di Maio, la Lamorgese e l’ambasciatore Massari nell’Aula bunker di Bicocca a Catania”, ha concluso.

Sarà una primavera “calda” per Matteo Salvini, sul quale pende l’accusa di sequestro di persona?

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

La strada stretta di Mattarella per evitare il voto che nessuno vuole. Intanto il Paese reale sprofonda

Articolo successivo

E il Nord est si risveglia la mattina in zona rosso scura