Guardie rubavano gli alimenti per poi venderli ai reclusi: tre arresti

di FRANCO POSSENTI

Quello delle carceri è un eterno problema in Italia, se ne sente parlare ad ogni elezioni, tutti propongono le loro soluzioni, qualcuno protesta visitando le patrie galere, ma alla fine queste non sono altro che lo specchio del paese.

Due sottufficiali di polizia penitenziaria e il dipendente di un’azienda che si occupa della distribuzione degli alimenti per i detenuti del carcere Malaspina, sono stati arrestati e posti ai domiciliari con l’accusa di peculato, per essersi impossessati dei prodotti alimentari da vendere agli stessi reclusi. La misura cautelare è stata disposta dal sostituto procuratore Roberto Condorelli nei confronti di Cristoforo Bosco e Michele Ippolito, di Santa Caterina e di Angelo Fausciana, dipendente della Morgante Srl, la società triestina che in appalto gestisce la fornitura di prodotti alimentari in molte carceri italiane.

I due sottufficiali della penitenziaria – attualmente sospesi dal servizio – erano addetti al sopravvitto della casa circondariale di via Messina. Per confermare le accuse è stato necessario posizionare una telecamera nello spaccio della casa circondariale che ha ripreso le fasi della consegna dello scatolame e di altri generi alimentari in eccesso che i due agenti di custodia trattenevano per loro, mentre il resto della merce veniva assegnato ai detenuti che ne avevano fatto richiesta dopo avere compilato i moduli.

“Guardie e ladri” non è solo un vecchio film, ma la riedizione dell’Italia del XXI° secolo. Specialmente a Caltanissetta.

Print Friendly, PDF & Email

5 Comments

  1. e brave le guardie carcerarie, complimenti.
    Questa storia è saltata fuori, chissà quante resteranno invece sconosciute.

  2. Il marcio non può che prendere la muffa l’ho sempre sostenuto e continua ad essere tale…
    La gente che lavora per padroni malsani e deviati, sempre sarà malsana e deviata ad immagine e somiglianza del suo padrone…

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

DE MAGISTRIS FA LA "REVOLUCION" CON BLATTE E PREFETTO

Articolo successivo

Pago l'83% di tasse! Ha senso restare in questo paese?