Caos Tasi: i Comuni si lamentano, e il cittadino cosa dovrebbe dire

di REDAZIONE

«I Comuni lamentano che si sono avute molte modifiche nella normativa fiscale che li riguarda. Ma loro, almeno, dispongono di legioni di impiegati. E il povero contribuente, allora? All’imposta deve aggiungere le spese di Caf e professionisti per sapere come pagare». Lo segnala il presidente della Confedilizia Corrado Sforza Fogliani, intervenendo sul tira e molla relativo alla Tasi. “La verità è che Stato e Comuni dovrebbero darsi una regolata – aggiunge in una nota – e facilitare, quantomeno, il pagamento delle imposte, secondo un principio che Adam Smith predicava più di due secoli fa. Figurarsi cosa direbbe oggi, con le performance alle quali ci ha abituato il Fisco italiano, e comunale in particolare”.

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Gheddafi al Nord, non è solo immigrazione caro Renzi

Articolo successivo

La Valle d'Aosta presenta una candidata indipendentista