CANTU’, MANIFESTO LEGA CONTRO IL TROTA. MA E’ TAROCCO

di RADAZIONE

A Cantù (Como) è andato in scena uno scherzo davvero riuscito: i manifesti della Lega contro lo sfruttamento del Nord e a favore dell’indipendenza della Padania sono stati alterati da una mano ignota l’altra sera a Fecchio e nella sede di Viale Madonna, in pieno centro cittadino. Niente spray ma una certosina imitazione dei caratteri dei manifesti ha sortito un effetto-confusione totale.

Due le scritte alterate: “Il Nord sfruttato non può più mantenere il Trota” (evidente allusione al figlio di Bossi, consigliere regionale) e “L’unica strada è l’indipendenza dalla Lega” (ovvia la storpiatura della Padania). In piccolo sui manifesti la “rivendicazione” della lista “Lavori in corso” ma il leader della civica, Claudio Bizzozero, avverte: “Contenuto condivisibile ma non siamo stati noi”.

(Nella foto il manifesto taroccato ripreso dal www.laprovinciadicomo.it).

Print Friendly, PDF & Email

4 Comments

  1. E no! Batwoman ha sempre regione, a prescindere. Inutili queste sottolineature volgari. L’esplosione della Lega è un fatto luttuoso.

  2. Non penso che c’entri qualcosa il PD, viste le critiche degli ultimi mesi, é più facile che sia stata la base, quella degli scontenti e che mal digerivano la cosiddetta onestà e meritocrazia di cui si fregiava la Lega e che é stata puntualmente disattesa (come se ce ne fosse da dubitarne….).

  3. in genere sono i gruppi del PD che fanno questo cose becere. Non avendo idee loro, si dedicano a rovinare quelle degli altri. Il fatto di non riconoscere la Padania.

    E’ il frutto del rischio che corre la lega nord mettendo in piazza le crisi interne.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

UN PENSIERO FORTE? RIPENSARE L'IDENTITA'

Articolo successivo

VENETO, ANCHE GLI IMMIGRATI FAVOREVOLI ALL'INDIPENDENZA