Campagna, fratello di una delle vittime: Battisti? Mossa per impietosire

“Spero che nessun politico e nessun giudice si faccia impietosire da questa mossa, lo conosciamo ormai, fa queste mosse per impietosire, negli anni e’ riuscito ad ingannare Lula e tanti altri”. Lo ha spiegato all’ANSA Maurizio Campagna, fratello di Andrea Campagna, l’agente ucciso da Cesare Battisti il 19 aprile 1979 a Milano, a proposito della decisione dell’ex terrorista dei Pac di iniziare lo sciopero della fame per protestare contro la sua situazione carceraria, da lui ritenuta troppo dura. “Se qualche politico si fara’ ingannare – ha aggiunto Campagna – faro’ io lo sciopero della fame”. Battisti “ci ha preso in giro fin troppo, non va preso sul serio – ha detto ancora – se viene tenuto in isolamento, un buon motivo ci sara’”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

La spesa per i contagiati Covid, regione per regione... Redolfi: Prima la Campania!

Articolo successivo

CODACONS, ALLARMANTE CALO VENDITE, RISCHIO CHIUSURA PER 27MILA NEGOZI