CALDORO: COI SOLDI DEL NORD PAGHIAMO I DEBITI DEL SUD. SONDAGGIO

di GIANLUCA MARCHI

Se avete tempo di visionare il video che alleghiamo qui sotto, guardate e stramazzate! Per chi ha fretta, essendo l’opera d’arte un po’ lunghetta, ne riassumo il senso e anche costui stramazzi. Ebbene, Stefano Caldoro, Pdl, presidente della Regione Campania, qualche giorno fa ha postato un video su YouTube nel quale avanza questa proposta. Una dei motivi che acuisce la crisi dell’economia italiana è che gli enti pubblici pagano fornitori e aziende con terribile ritardo, il che si trasforma in ulteriori difficoltà per le imprese private, costrette spesso a licenziare e a chiudere i cantieri in cui sono impegnate, perché non hanno più liquidità. Cosa ha pensato allora il giovane Caldoro, ottenendo ovviamente l’apprezzamento delle forze sociali della Campania e anche il consenso di altre Regioni meridionali? C’è nelle casse degli enti pubblici un tesoretto di circa 10 miliardi di euro che, per via del patto di stabilità, quegli stessi non possono spendere. Quei soldi, ammette lo stesso governatore della Campania, sono essenzialmente degli enti e delle Regioni del Nord, però restano lì inutilizzati. E allora, dice il nostro fenomeno, ho proposto al Governo di utilizzare quelle risorse come fonte di liquidità per consentire agli enti e alle Regioni che hanno i conti correnti in rosso di pagare regolarmente i fornitori e i lavori che sono già stati commissionati.

Avete capito bene: questo giovin signore sta proponendo al professo Monti di prendere i soldi dei cittadini del Nord, che sono i “padroni” dei loro Enti, e utilizzarli per pagare i debiti delle Regioni del Sud. “Senza che noi si possa spendere di più – si affretta a precisare -, ma consentendoci di pagare quanto abbiamo già deliberato”.

Lascio a voi ogni altro commento… Se poi dovesse capitare anche questa, allora ci conviene prendere e andarcene in Svizzera o dovunque si voglia.

PARTECIPA AL NOSTRO SONDAGGIO QUI A FIANCO

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

ITALIA: UN PAESE UFFICIALMENTE IN RECESSIONE

Articolo successivo

GRECIA: NELLA NOTTE OK AL PIANO DI AIUTI