Calderoli: licenziare 7-8 mila fannulloni nella Pa. Adesso lo dice…

di TONTOLO

Io son Tontolo ma non tontolon e mi sono stufato delle dichiarazioni di battaglia di certi leghisti, fatte sempre il giorno dopo se non l’anno dopo. Sentite questa: «Sbaglia il ministro Gianpiero D’Alia quando dichiara, a fronte di un’eccedenza di personale per circa sette o ottomila unità, che nessuno verrà licenziato. Cogliamo invece l’occasione al volo e licenziamo immediatamente tutti coloro che si sono dimostrati ‘fannullonì nella pubblica amministrazione, recuperando così una parte delle risorse per coprire l’abolizione dell’Imu e l’aumento dell’Iva». Lo dichiara il vice presidente del Senato, Roberto Calderoli in una nota.

Ma scusate, Calderoli è stato al governo un tot di anni e quanti cosiddetti “fannulloni” ha fatto licenziare durante quel periodo? Zero… a meno che allora di fannulloni nella pubblica amministrazione proprio non ce ne fossero! Li faceva lavorare Calderoli a pedate nel didietro. Va là va, tornatene a Berghem che te speten…

Print Friendly, PDF & Email

9 Comments

  1. Comunque la pamm non si riformerà mai. Anzi come giustamente detto da Blondet “sono pronti a sparare per difendere i loro privilegi”

  2. Le solite stupidaggini dette dalla lega in ritardo,tanto per raccattare un po’ di visibilità.Tutto quello che farà la lega non servirà a nulla.Sono voti a vuoto!

  3. Calderoli parla di fannulloni?
    proprio lui che, oltre ad essere un alcolizzato, fu anche definito dai suoi tirapiedi verdi come un “asino vestito da generale”…..il primo a dover essere cacciato dal Senato è lui.

  4. Non era compito di Calderoli ma di Brunetta,che in effetti ha fatto molto fumo (tornelli,poliziotti panzoni ecc) ma zero arrosto. E’ che poi “papi” lo prendevano a male parole se un parlamentare del pdl avesse fato una vera riforma!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

I nuovi maghi della politica con ricette miracolose

Articolo successivo

Bossi: Berlusconi non è finito e io non ho rimpianti