All’Iran dà fastidio il buddhismo: via al sequestro di statuette

di REDAZIONE

La libertà è una specie di optional in terra di ortodossia islamica. Come riporta “La Presse”, le autorità iraniane stanno confiscando le statue che rappresentano Buddha dai negozi della capitale Teheran, nel tentativo di fermare la divulgazione del buddismo nel Paese.

Lo fa sapere il quotidiano indipendente iraniano Arman daily, citando un ufficiale per la protezione dell’eredità culturale, Saeed Jaberi Ansari. Ansari definisce le statue come simboli di una “invasione culturale” e afferma che le autorità non permetteranno che siano usate per la divulgazione del buddismo. L’ufficiale non ha specificato quante ne siano state sequestrate sinora, ma ha annunciato che l’operazione proseguirà.

In passato, l’Iran ha imposto divieti per combattere l’influenza occidentale, tra cui sulle bambole Barbie e sui personaggi animati Simpsons, ma questa è la prima volta che mette al bando simboli provenienti dall’oriente.

Print Friendly, PDF & Email
Default thumbnail
Articolo precedente

Rilasciato Doddore: "Mi hanno sequestrato" e fuga dubbi sul rapimento simulato

Articolo successivo

Prodi punta alla presidenza e cambia il suo look