Bossi: il congresso lo convoco io, ma il 1° dicembre è troppo presto

di REDAZIONE

Umberto Bossi ha confermato che convochera’ il congresso federale per l’elezione del nuovo segretario. “Il congresso possono convocarlo solo io”, ha rivendicato il presidente del Carroccio, con riferimento al potere che gli attribuisce lo statuto, parlando al suo arrivo per un comizio alla festa di Pontirolo Nuovo, nel Bergamasco. Tuttavia il Senatur reputa il fine settimana del 30 novembre-primo dicembre una data troppo ottimistica per l’assise. Bossi ha confermato ai giornalisti che Roberto Maroni gli ha proposto quella data, ma ha subito spiegato di non essere completamente d’accordo: “Convochero’ il congresso quando vedro’ che c’e’ la possibilita’ di fare le procedure pre-congressuali, se no dovremo andare con gli stessi votanti dell’ultima volta. Quindi, bisogna che ci siano i tempi”, ha affermato. “Ci vuole un attimino di tempo in piu”, ha proseguito, rispetto alle date 30/11-1/12.

A chi gli chiedeva se ha intenzione di candidarsi nuovamente alla segreteria, il senatur ha risposto: “Io posso candidarmi, la gente vuole. Sono a disposizione”. In seguito, parlando dal palco ha chiarito che il prossimo segretario dovra’ essere colui che “ha la capacita’ di tenere unita la Lega”. “Non serve a niente buttar fuori la gente, come ha fatto quel Tosi”, ha aggiunto con riferimento alla segretario della Lega veneta Flavio Tosi.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

C'è anche di peggio dello Stato sociale, lo Stato etico

Articolo successivo

Festa dei veneti: chiusa la decima edizione. Ora referendum!