Borghezio a Napolitano: si venda la tenuta di Castelporziano

di REDAZIONE

“Mi rivolgo al Presidente della Repubblica, sapendo che è una persona attenta e profondamente democratica, per chiedergli di mettere in vendita la Tenuta Presidenziale di Castelporziano. Prima di chiedere sacrifici sempre ai cittadini, aboliamo certe cose inutili e certi sprechi”.

Questa la provocatoria proposta lanciata  dall’europarlamentare della Lega Nord Mario Borghezio nel corso dell’ultima puntata di KlausCondicio, il talk show di Klaus Davi in onda su You Tube e visibile al link http://www.youtube.com/user/klauscondicio.

“Cosa ce ne facciamo di Castelporziano?”, incalza Borghezio. “E’ una tenuta immensa, un enorme bosco che costa l’ira di Dio. Manteniamo in vita infatti un esercito di guardie forestali, anche se in realtà ormai non ci va più nessuno. L’ultima volta che ci sono andati a caccia risale a cinquanta anni fa, quando erano venuti in visita i reali d’Inghilterra. Castelporziano potrebbe invece essere un parco da privatizzare, non dico da lottizzare, ma potrebbe essere, per esempio, una bella occasione per un gestore privato di realizzarvi dei parchi giochi a pagamento oppure organizzarvi delle manifestazioni pubbliche. Altrimenti si potrebbe metterlo a disposizione dei cittadini. Dovrebbe essere una risorsa, non un costo”.

E, alla domanda di Klaus Davi “Anche se ci fosse un acquirente estero andrebbe bene?”, Borghezio ha risposto: “Perché no? Anche un magnate americano. Chiunque contribuisca a risanare i conti del Quirinale potrebbe fare al caso”.

“Il problema –conclude l’europarlamentare leghista- non riguarda solo gli sprechi della Presidenza della Repubblica. Anche la Presidenza del Consiglio è un bell’ambaradan di sbrigafaccende nullafacenti. Vorrei sapere se tutto quello che ci costa questo enorme apparato abbia una qualche affinità con quanto spende l’ambaradan della presidenza degli Stati Uniti. Sinceramente non credo…”.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente

Londra: CasaItalia è CasinoItalia. Ma è il Paese che è un casino

Articolo successivo

Storia Longobarda: Cividale e Cortona trovano un accordo